Asl Lecce, proroga del contratto per medici e infermieri

Sono stati rinnovati per altri 30 giorni gli incarichi a 275 fra medici, infermieri e tecnici della Asl. Come afferma l’associazione Salute Salento ‘la proroga non garantisce la certezza del posto’

A pochi giorni dal cambio della guardia in Asl Lecce e a due giorni dalla fine dell’anno, la direzione dell’azienda sanitaria leccese pare abbia trovato le risorse finanziarie per prorogare fino al 31 gennaio del 2015 gli incarichi dei dirigenti tra medici, veterinari, fisici e farmacisti, oltre che del personale di comparto tra infermieri, Oss,  tecnici, autisti.

Tali incarichi erano scaduti il 31 ottobre scorso ed erano stati prorogati fino al 31 dicembre 2014, dato che, come spiega Salute Salento l’azienda deve “garantire i livelli minimi di assistenza” e quindi “evitare il reato di interruzione di pubblico servizio previsto in questi casi dal decreto 165 del 2001”.

Va sottolineato che un mese di proroga non garantisce la certezza del posto di lavoro, visto che la graduatoria degli incaricati a tempo determinato continua a scorrere. Insomma, il rapporto di lavoro si può interrompere in qualsiasi momento e per vari motivi: se c’è un vincitore di concorso o qualche dipendente Asl che ha chiesto il trasferimento a Lecce; se vi è l’esigenza di contenere la spesa; se vengono a mancare le risorse.

In particolare, l’incarico viene rinnovato a 107 medici, 7 farmacisti e 1 fisico per l’area della dirigenza medica-veterinaria. Nell’area del comparto la proroga dell’incarico riguarda: 87 infermieri, 39  Operatori socio-sanitari (Oss), 23 tecnici sanitari (audiometria, radiologia, laboratorio biomedico, fisiopèatologia…),  4 autisti,  4 fisioterapisti,  1 dietista, 1 ostetrica, 1 conduttore di caldaie.

Almeno il Capodanno sarà sereno, insomma. Ma del doman non v'è certezza.



In questo articolo: