Buon 2021, gli auguri per il nuovo anno in dialetto leccese

Il vecchio anno saluta il nuovo e scompare. Come un vecchio che lascia il testimone a un giovane pieno di speranze. La filastrocca in dialetto leccese di Lucia C. Antonazzo

Ieri sira avia nu vecchiareddhu
cu nu saccu pisante, povereddhu
cu tira dhu pisaturu non ci la facia
era straccu, malatu e chiangia.

Fanne cu moru prestu prestu
Signore miu, dicia dhu cristianu
a quai nisciunu me vole bene
me dissera ca portai guai e pene.

La gente stia intra alle case soi
nisciunu lu potia vidire chiui.
De na girata essiu nu picciccheddhu
ca a stenti riuscia cu camina
l’erive vidire ce bera caleddhu
paria propriu lu bambinieddhu.

Lu vecchiu cullu saccu lu guardau
li disse ah…sta rrivi finalmente tie
trasi mena! ca iou mo me ne vau
stu postu non è chiù pe mie.
Lu vagnone allu vecchiu li domandau
ce teni intra a dhu saccu ca sta tiri?

Eh…fiju miu…tengu cose fiacche e cose bone, tutte ncote le portu cu mie.
Tie mo ccuminci cu nu saccu vacante
chianu chianu lu inchi puru tie
de dolori e de gioie, ca sù tante
e a ncapu all’annu vidi ca pensi a mie.

Ma te dicu: coraggiu e vanne drittu
ca sta te spettane tutti quanti
e cusì…stringi li tienti e vanne annanzi!

Traduzione

Ieri sera c’era un vecchiarello
con un sacco pesante, poverino
a tirare quel grosso peso non ce la faceva
era stanco, malato e piangeva.
Fammi morire presto presto,

Signore mio! diceva quella persona
qui nessuno mi vuole bene
mi hanno detto che ho portato guai e pene.

La gente stava nelle proprie case
nessuno lo voleva più vedere.
Da un incrocio uscì un bambino
che a stenti riusciva a camminare
avreste dovuto vederlo com’era carino!
sembrava proprio Gesù Bambino.
Il vecchio col sacco lo guardò
gli disse: “Ah… finalmente stai arrivando!
Entra, presto, che io me ne sto andando.
questo posto non è più adatto a me”.

Il bambino chiese al vecchio:
“Che cos’hai in quel sacco che stai tirando?”
“Eh, figlio mio, ho cose brutte e cose buone,
tutte insieme le porto con me.

Tu ora inizi con un sacco vuoto
Piano piano lo riempi anche tu
di dolori e di gioie, che pur sono tante,
e alla fine dell’anno vedrai che penserai a me.

Ma io ti dico: “Coraggio e vai spedito
che ti stanno aspettando tutti quanti
e così… stringi i denti e vai avanti!”.

(La foto di copertina è di Roberto Maffei, scattata la prima alba del nuovo anno a Otranto)

 



In questo articolo: