Due giorni per “Borgo Piave in Corto”, la Rassegna di Cortometraggi e Documentari

L’evento si terrà domani 30 e martedì 31 luglio 2018, dalle ore 20.45, nella piccola frazione di Borgo Piave sulla strada che da Lecce conduce a Frigole

borgo-piave

Si apre domani “Borgo Piave in corto”, nella frazione del comune di Lecce che sorge a 23 metri sul livello del mare, una rassegna di cortometraggi e documentari.

La manifestazione è organizzata dalla Cooperativa Agricola Terrae Ficulae e dall’associazione “Latte & Mielecon la collaborazione di Don Raffaele Bruno, avrà inizio alle 20.45, negli spazi esterni della Chiesa di S.Antonio, Piazza Ferrandi e andrà avanti per due giorni, domani e dopodomani.

Lunedì 30 luglio, ore 20.45, l’evento inizierà con la presentazione della serata, ore 21,15 ci sarà la proiezione del cortometraggio “Margerita”, durataquindici minuti, racconta di Efrem, giovane rom e abile borseggiatore che affronta il suo primo furto in appartamento. Un’esperienza che gli cambierà la vita.

A seguire ore 21.45, “Vento di Soave”, regia di Corrado Punzi, durata settantasette minuti. Una narrazione realistica della drammatica situazione di una città al collasso come Brindisi; il petrolchimico Eni e la centrale a carbone Enel, situata a Cerano.

Martedì 31 luglio, ore 20.45 si parte con “La giraffa senza gamba”, regia di Fausto Romano, durata quindici minuti. La storia narra di Salvatore Principe, un burbero e misantropo avvocato in pensione che vive in un sontuoso appartamento dove passa le sue giornate comprando online rari francobolli. Quando una famiglia senegalese si trasferisce nell’appartamento di fronte al suo, l’avvocato si barrica in casa. L’incontro con la piccola Fatima, una delle figlie dei Dembabà cercherà di farlo entrare nel suo regno a colori.

Ore 21.15,“Bismillah”, regia di Alessandro Grande, durata quattordici minuti. Samira è tunisina, ha dieci anni e vive illegalmente in Italia con suo padre e suo fratello che di anni ne ha diciassette. Una notte si troverà ad affrontare da sola un problema più grande di lei.

Ore 21.45, “La giornata”, regia di Pippo Mezzapesa, durata undici minuti. E’ una giornata come tante quella del 13 luglio 2015 per le braccianti pugliesi che lavorano nei campi, ma il loro viaggio, fatto su un pullman preso all’alba, sarà l’ultimo per Paola Clemente, che morirà di fatica a quarantanove anni, per 2 euro l’ora.

Ore 22.00,“Il quartiere – the Neighborhood”, regia di Pippo Cariglia, durata trenta minuti. Siamo a Lecce, una piccola citta del sud Italia. Lontano dal centro storico e dai luoghi affollati, un piccolo quartiere fatto di case basse e piccole attività al dettaglio, cambia faccia molto velocemente. Tra Porta Napoli e San Pio, quasi uno spartiacque tra la vecchia città e quella che ormai, da qualche anno, sembra essere popolata solo da studenti universitari e persone anziane. Ciò che un tempo sembrava essere la periferia della città, diventa in breve il centro della vita notturna.

Infine, frisellata popolare con i prodotti della Cooperativa Terrae Ficuale, il vino di Libera Terra di Puglia e tanta musica live con i “FuoridalCoro”.

di Serena Pacella Coluccia



In questo articolo: