Capodanno 2015 nel Salento. I vip leccesi tutti a casa

Rimarranno tutti a casa, per il Capodanno, i vertici delle istituzioni salentine. Li abbiamo raggiunti per farci raccontare la loro notte di San Silvestro.

Capodanno a Lecce per le autorità istituzionali salentine. Il primo giorno dell’anno nuovo sarà trascorso a casa, con la propria famiglia sia dal sindaco della città di Lecce che da presidente della Provincia. Anche il presidente della Camera di Commercio trascorrerà le vacanze in città. Nessuna trasferta, quindi, almeno per il momento .

Il sindaco Paolo Perrone sta organizzando un cenone di Capodanno in compagnia della propria figlia, almeno fino alla mezzanotte, mentre il giorno dopo lo dedicherà ai suoi genitori. “Non mi chieda nulla sul menù, perché ancora non lo conosco – ci ha confidato il primo cittadino – sarà una sorpresa” .

Il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone sarà nella sua Tuglie con moglie e figli. “Approfitteremo delle doti culinarie di mia moglie, cuoca straordinaria, per trascorrere un Capodanno all’insegna del relax e della famiglia e dare inizio al nuovo anno nel segno dei migliori auspici”.

Casa dolce casa anche per il presidente della Camera di Commercio di Lecce Alfredo Prete, che sarà tutto per i suoi anziani genitori e per la sua famiglia. Il menù è affidato alle sapienti mani della signora Prete che non rivela nulla, ma che preannuncia un banchetto degno del primo giorno dell’anno.

Natale leccese anche per l’arcivescovo metropolita Domenico D’Ambrosio, che la sera del 31 dicembre presiederà il tradizionale rito del Te Deum. Mentre il giorno dopo don Mimì celebrerà la solenne Messa in Cattedrale al termine della quale farà gli auguri a tutta la sua diocesi e all’intera provincia ecclesiastica di Lecce. Insomma una festa leccese per tutti, secondo le migliori tradizioni natalizie, casa e famiglia, con tanta voglia di pace.



In questo articolo: