Covid-19, continuano le guarigioni in Salento: la Asl aggiorna il numero dei pazienti dimessi

A fornire l’aggiornamento sui pazienti dimessi dopo il 27 marzo, data dell’ultimo aggiornamento, è l’Azienda sanitaria locale di Lecce

Buone notizie per il Salento: sale il numero di guariti dimessi dai reparti di malattie infettivi e di terapia intensiva degli ospedali in prima linea per contrastare l’emergenza Covid-19. Sono molti i pazienti che dopo aver lottato contro il virus potranno tornare a casa. A diffondere la notizia delle guarigioni è la Asl di Lecce che aveva fornito un aggiornamento già alla fine del mese scorso. Dal 27 marzo ad oggi sale il numero di guariti.

Le dimissioni dal Dea di Lecce

Tra i pazienti, tutti dimessi dal reparto di Malattie Infettive Covid Dea, sono 11 le donne guarite dal coronavirus, in buona parte di età compresa tra i 60 e i 70 anni. Di queste, anche 3 pazienti tra i 30 e i 40 anni. Sono 9 gli uomini dimessi, la maggior parte di età media compresa tra i 50 e i 60 anni, con un paio di giovani intorno ai 35 anni.

Dalla Terapia Intensiva Covid Dea, invece, sono stati dimessi 4 pazienti adesso in grado di respirare autonomamente.

L’ospedale di Galatina

Sono 11 i pazienti dimessi da Reparto di Malattie Infettive Covid di Galatina, di cui 8 uomini e 3 donne. Gli uomini hanno un’età che si aggira intorno ai 60 anni, ma tra di loro ci sono anche due 80enni e un 50enne. Tra le donne, due hanno circa 60 anni e una 35. Dopo le dimissioni anche per loro è previsto un periodo di convalescenza da trascorrere presso il proprio domicilio, con monitoraggio del medico di medicina generale e del Servizio Igiene Pubblica.

Reparto post Covid di San Cesario

Hanno lasciato il reparto del comune salentino, dedicato al trattamento post acuzie, 10 pazienti: 8 uomini, per la maggior parte 60enni – ma tra loro anche un 87enne e un 47enne – e 2 donne di 30 e 60 anni. In particolare, questi pazienti ricoverati nell’ospedale di San Cesario, hanno superato il periodo di acuzie e sono in fase di remissione completa. La funzione di struttura post Covid è assunta anche dall’Ospedale di Copertino che dal 30 marzo ha incominciato ad accogliere pazienti con infezione Covid nella fase post acuzie.



In questo articolo: