Autodichiarazione sì, autodichiarazione no: confusione del Governo. I sindacati di Polizia sollevano dubbi

A sollevare la questione Giovanni Iacoi, Segretario Generale del LeS  e Alessandro De Pasquale, Presidente del SIPPE che con una lettera chiedono chiarimenti al Governo.

«Gli appartenenti alle forze di polizia rischiano di agire nella totale incertezza e che, qualora dovessero essere elevati verbali a chi circola senza giustificato motivo, questi rischierebbero di essere impugnati dinanzi ai giudici e ciò si concretizzerebbe “in un serio pregiudizio alle delicate ed importanti funzioni delle Forze di Polizia” costrette a chiedere al cittadino di sottoscrivere un atto che, al vaglio di legittimità, dinanzi all’Autorità Giudiziaria, potrebbe essere dichiarato nullo, perché non più previsto dalla norma più recente, peraltro, sottraendo tempo ed impegno per altre incombenze, dovendo verificare la correttezza delle autodichiarazioni ricevute», sono queste le parole contenute all’interno della missiva che, Giovanni Iacoi, Segretario Generale del LeS (Libertà e Sicurezza) e Alessandro De Pasquale, Presidente del SIPPE (Sindacato Polizia Penitenziaria), hanno inviato al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, e al Capo della Polizia Franco Gabrielli, con riferito all’ultimo Decreto, emanato il 10 aprile scorso. Lettera nella quale i sindacalisti hanno evidenziato alcune criticità e difficoltà operative per il personale addetto ai controlli su strada.

Nel documento, in particolare, viene messo in risalto che l’art. 8 del DPCM abroga, a partire dal successivo 14 aprile, gli effetti di tutti i precedenti Decreti emessi dalla Presidenza del Consiglio, l’8, il 9, l’11 e il 22 marzo e il 1° aprile, riguardanti l’emergenza da Coronavirus.

Tuttavia, dall’emanazione di quei Decreti, ora abrogati, derivava l’obbligo, per i cittadini, di compilare i modelli di autodichiarazione, per attestare i motivi che giustificavano l’uscita dalle loro abitazioni e questo obbligo, oggi sembrerebbe essere stato anch’esso abrogato.

L’attuale formulazione del DPCM del 10 aprile, invece, sembrerebbe riservare solo a chi entri o sia in transito sul territorio nazionale l’obbligo di consegnare al vettore, all’atto dell’imbarco, una dichiarazione resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n.445.

«A conforto delle nostre tesi – sottolineano Iacoi e De Pasquale – anche parte della Magistratura si è già espressa sulle autodichiarazioni ritenendo inapplicabili gli articoli del codice penale in essa indicati e anche Giovanni Maria Flick, Presidente Emerito della Corte Costituzionale, considera illegittimi eventuali arresti penali per il delitto di falso, in relazione ai decreti COVID-19».

Quindi, per evitare incertezze e difficoltà al personale operativo, ma anche agli stessi cittadini, i due Segretari Nazionali, chiedono ai destinatari della missiva di emanare gli opportuni chiarimenti e le necessarie direttive sull’obbligatorietà o meno di compilare le autodichiarazioni per tutti coloro che siano già presenti sul territorio nazionale.