Autodichiarazione e stop della differenziata, nuove regole di conferimento per i cittadini in quarantena

Tutti i rifiuti, plastica, vetro, carta, umido, metallo, dovranno essere conferiti nello stesso contenitore per la raccolta indifferenziata.

I cittadini in quarantena obbligatoria devono interrompere la raccolta differenziata e conferire tutti i rifiuti (plastica, vetro, carta, umido, metallo) nello stesso contenitore per la raccolta indifferenziata, inclusi fazzoletti, mascherine, guanti e salviette monouso.

Sono queste le nuove disposizioni in materia di raccolta dei rifiuti necessarie per fare fronte all’emergenza sanitaria da Covid-19 – sulla base delle indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità e della nota AGER – Agenzia territoriale della Regione Puglia.

Necessaria l’autodichiarazione

Al fine di permettere la gestione differente dei rifiuti urbani prodotti nelle abitazioni dove soggiorna chi è sottoposto al regime di isolamento obbligatorio, gli interessati sono tenuti a compilare in ogni sua parte il modulo di autodichiarazione disponibile sul sito istituzionale del Comune di Lecce www.comune.lecce.it e a trasmetterlo via e-mail all’indirizzo di posta elettronica [email protected].

Gestione separata

In questo modo, sarà possibile applicare una gestione separata dei rifiuti in questione mediante una raccolta quotidiana, dal lunedì al sabato, della frazione indifferenziata. Gli orari e le modalità del ritiro dei sacchi (opportunamente preparati secondo le indicazioni dell’ISS di seguito riportate) verranno comunicati telefonicamente dagli operatori del gestore dei servizi di igiene e nettezza urbana al numero indicato dal cittadino nella propria autocertificazione.

Ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni o dubbi, il numero di assistenza comunale dedicato alla popolazione in sorveglianza sanitaria e/o isolamento fiduciario – 0832 230049 – è attivo h 24.

I consigli per effettuare la raccolta

Per un adeguato e più sicuro conferimento dei rifiuti, si consiglia di utilizzare due o tre sacchetti possibilmente resistenti (l’uno posizionato all’interno dell’altro) per contenere la frazione indifferenziata da porre possibilmente in un contenitore a pedale; chiudere bene i sacchetti – facendo attenzione a non comprimerli – indossando guanti monouso e utilizzando dei lacci di chiusura o nastro adesivo; una volta chiusi i sacchetti, i guanti utilizzati devono essere conferiti in nuovi sacchetti preparati per la raccolta indifferenziata (occorre utilizzare due o tre sacchetti resistenti, posizionati l’uno nell’altro); infine, lavare accuratamente le mani. Occorre tenere i rifiuti lontani dagli animali domestici da compagnia.

La normale raccolta differenziata

Tutti gli altri cittadini possono procedere con la normale raccolta differenziata, ricordando di conferire nell’indifferenziata mascherine, guanti e, in caso di raffreddore, anche i fazzoletti di carta. In tutti i casi, per i rifiuti indifferenziati, è preferibile utilizzare due o tre sacchetti all’interno dell’abituale contenitore domestico, chiudere bene il sacchetto e smaltirlo normalmente e, anche in questi casi, lavare immediatamente dopo le mani.



In questo articolo: