FederTerziario risponde all’appello di “Lecce Solidale”, donati generi alimentari per le famiglie bisognose

Le derrate alimentari sono state consegnate al presidente dell’associazione Angeli di Quartieri che le farà giungere nelle case di chi vive in stato di indigenza.

Prosegue il progetto “Lecce Solidale”, l’iniziativa lanciata dall’Amministrazione comunale del capoluogo finalizzata alla raccolta di genere alimentari da destinare alle famiglie bisognose, messe ulteriormente in ginocchio dall’emergenza coronavirus.

Nella mattinata di ieri, presso la sede della protezione civile sono arrivate le derrate alimentari donate da FederTerziario Lecce, associazione datoriale che ha aderito alla all’appello.

Le derrate alimentari sono state consegnate nelle mani del presidente dell’associazione Angeli di Quartieri, Tonia Erriquez, che avrà il compito di farle pervenire direttamente nelle case delle famiglie che vivono in stato di indigenza.

“Il lockdown a seguito della pandemia, ha ulteriormente aggravato la situazione di numerose famiglie, e ci è sembrato doveroso rispondere all’appello ‘Lecce Solidale’ perché ognuno di noi è chiamato in questa particolare situazione a fare la propria parte”, ha dichiarato il responsabile della promozione di FederTerziario Lecce, Gianni Rango. “Il dono conclude Rango – inteso come lo scambio senza alcuna costrizione di carattere economico e commerciale, è sempre servito a stabilire relazioni non solo con altri individui, ma costituisce il nucleo dell’intera organizzazione sociale, per noi aiutare le famiglie della nostra città in difficoltà è un’obbligo morale al quale non possiamo sottrarci”.

Per contribuire all’iniziativa, contributi economici possono essere indirizzati presso i conti corrente delle associazioni caritatevoli che provvederanno all’acquisto di beni di prima necessità per le famiglie più bisognose .

Per chi fosse impossibilitato a consegnare i beni, i volontari si recheranno a casa per ritirarli, basterà contattare i numeri di telefono: 327.7348756 – 380.4749320 – 334.1828264 – 334.6806218 – 328.6156985, a cui ci si potrà rivolgere anche per chiedere aiuto alle associazioni.



In questo articolo: