È il giorno del Frecciarossa. Da Milano a Lecce in otto ore

Finalmente è il giorno tanto atteso, in cui il Frecciarossa di Trenitalia raggiungerà anche il Capoluogo salentino. Viaggio inaugurale che poi si ripeterà tutti i fine settimana e i festivi. Anche la stazione di Lecce accoglie l’alta velocità.

È partito da Milano, alle 6.00 di questa mattina, il primo Frecciarossa diretto in Salento: l’ultima fermata sarà Lecce così come per mesi è stato chiesto a gran voce da un territorio che si è sentito escluso quando l’alta velocità ha fatto il suo debutto in Puglia collegando la stazione del capoluogo lombardo a quella di Bari in appena sei ore e mezzo.

L’orario di arrivo presso la stazione leccese è previsto alle 14:06. Gli altri treni Frecciarossa partiranno nel corso della mattinata per l’offerta upgrade estate.

Che cosa abbia fatto cambiare idea ai vertici di Trenitalia che consideravano la tratta ‘poco conveniente’ non è dato saperlo. I salentini avranno il loro treno super veloce, anche se solo nel weekend e nei giorni festivi. Meglio di niente, soprattutto con l’estate alle porte che ha tutte le carte in regola per registrare numeri da tutto esaurito.

Un po’ lo stesso “pienone” che i viaggiatori hanno fatto registrare sul sito ufficiale della società dei trasporti su rotaia correndo ad aggiudicarsi un biglietto in prima fila. Le prenotazioni, soprattutto in super economy, sarebbero già esaurite anche nei prossimi fine settimana, salvo disdette dell’ultimo minuto.   
 
Le premesse affinché il Frecciarossa continui il suo viaggio verso il tacco dell’Italia anche a stagione finita, ci sono tutte. Ora tocca a chi vuol trascorrere una vacanza in Salento o semplicemente tornare a casa scegliere di raggiungere questo lembo di terra viaggiando in treno. Solo così, potremo dimostrare che chi giudicava il Salento anti-economico, si sbagliava. E che continuare a credere nelle sue potenzialità sarebbe una scommessa vinta in partenza.

Alle 15.40, poi, la ripartenza da Lecce verso Milano. Qui la nota entusiasta del presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, tra coloro che tanto hanno spinto per questa piccola, grande vittoria. "Abbiamo segnato una "piccola" ma grande svolta – scrive Gabellone – quella dell'Alta Velocità al servizio del Salento e della nostra economia, dei nostri giovani universitari quanto dei nostri pendolari. Con la partenza del "FRECCIAROSSA" Lecce-Milano facciamo un altro passo nel futuro, ma non deve essere l'ultimo. Questo treno così essenziale e fondamentale (la dimostrazione è che oggi è gia' da tempo tutto esaurito) non potrà e non dovrà restare il treno "della domenica" ma dovrà partire ogni giorno e arrivare ogni giorno, da Lecce a Milano. Come accade per le realtà del Nord. E dovrà sfruttare radicali e importanti miglioramenti infrastrutturali sulla rete, che consenta l'effettiva alta velocità non solo da Milano e sino a quando viene sorretta dai binari e dalla rete, ma anche sino al nostro Salento, abbattendo ulteriormente le otto ore di viaggio (1 e mezzo quasi meno rispetto al passato) con ulteriori risparmi di tempo".

‘Freccia Rossa, il potenziamento del servizio prossimo obiettivo’ così esordisce invece il parlamentare del Partito Democratico Salvatore Capone che continua ‘Il primo giorno del Freccia Rossa Milano-Lecce va salutato positivamente e va dato atto al Governo e al Ministro Delrio dell’impegno profuso in questa direzione. Le notizie sulle prenotazioni, per quel che riguarda i giorni di collegamento finora disponibili, dimostrano l’esistenza indiscutibile di una utenza interessata e disponibile, che non può che aumentare, soprattutto in vista di una stagione turistica che già si annuncia migliore della precedente e che Trenitalia farebbe bene a considerare e a sostenere'.

Quello che succede in termini di trasporti e di spostamenti nel Salento una volta giunti a Lecce è cosa ben diversa, ma di questo abbiamo già parlato in tante, troppe occasioni.



In questo articolo: