‘Ricordate il Natale di quando eravamo bambini?’, la filastrocca di Miriam Perrone

Case piene di parenti, tavole imbandite, un vociare festoso di grandi e piccini… Sarà un Natale diverso, anche quello del 2021, allora con la memoria andiamo indietro nel tempo…

Cena

Non sarà un Natale «rosso» come quello dello scorso anno a causa del lockdown, ma anche queste festività saranno scandite dal Coronavirus e dalla variante omicron che sembra riportare indietro le lancette dell’orologio, a quando l’aumento dei contagi aveva fatto alzare l’attenzione. Almeno per il 25 dicembre, non sono state dettate regole particolari. L’unica accortezza richiesta sarà quella di indossare la mascherina anche all’aperto. Un obbligo che entrerà ufficialmente in vigore tra qualche giorno, ma anticipato da molti sindaci. Insomma, sarà un Natale in compagnia, senza alcun limite. E allora ecco la filastrocca di Miriam Perrone a ricordare un tempo che sembra lontano.

Be li ricurdati li Natali
te quannu erame piccicchi?
Ncerane case chine te parenti
puirieddri e ricchi!Senza distinzione…
Bi pare picchi?
Tauli banditi ti ogni bene,
e ci se le scerra dre scene!
A menzatia sunata,
li ttruavi tutti a nnanzi l’entrata,
ci cu na guantiera, ci cu na buttia
ma be’ ticu ca era prisenza vera.
Piati postu!Ce sta spittati!Ritava mama,
Auecchiu bbamu nvitati!
A nu taulu picciccu ni sistimavane
a nui cacaniti,e nonnama ticia:Fii mei,
osce è Natale: mangiati e mbiviti.
A nui piccicchi ,
la cosa ca ni facia trimulare
erane li ricali ca spittame ti Babbo Natale.
Li ricali rriavane ci n’erame cumpurtati bueni e quannu te facii chiu ranne ,te chiedii ci Babbo Natale e la Befana erane veri.
Primi,secondi, dolci …nu spicciamme
chiui te mangiare, ma lu bellu era dra tombolata ca nu putia mancare.
Ncera ci sciucava a scopa, ci a asu pia tutto, ca ci pirdivi rimanivi suttu suttu.
E stivi insieme finu a sira tardu,
cu sciuechi…cu a nnanzi purciddruzzi e
nu bicchirinu, ca ti mantinia lu spiritu chinu.
Mo bi saluto e bi mannu a tutti n’auguriu ti Buon Natale, puru ca stannu pi ceddri sarà speciale!

Traduzione
Ve lo ricordate il Natale
di quando eravamo bambini?
C’erano case piene di parenti,
ricchi e poveri. Senza distinzione.
Ti sembra roba da niente?
Tavole imbandite di ogni bene
e chi le dimentica quelle scene?
A mezzogiorno li trovavi tutti davanti all’ingresso di casa,
chi con una guantiera, chi con una bottiglia
ma vi dico che era presenza vera!
‘Prendete posto, cosa aspettate?’, gridava mia madre.
‘Mica vi abbiamo invitati per scherzo…’.
A un tavolo piccolo sistemavano noi bambini
e mia nonna diceva: ‘Figli miei, oggi è Natale. Mangiate e bevete!’.
A noi piccoli la cosa che ci faceva tremare
era aspettare i regali di Babbo Natale.
I doni arrivavano solo se ci eravamo comportati bene
e quando ti facevi grande ti chiedevi se Babbo Natale e la Befana fossero veri.
Primi, secondi, dolci…
non si finiva mai di mangiare,
ma il bello era quella tombolata che non poteva mai mancare.
C’era chi giocava a scopa, chi ad ‘asso pigliatutto’, che quando perdevi rimanevi a bocca asciutta.
Si stava insieme a giocare fino a tarda sera,
davanti a un piatto di purceddhruzzi e ad un bicchierino che manteneva lo spirito allegro.
Adesso vi saluto e mando a tutti voi un augurio di Buon Natale
anche se quest’anno non sarà una festa speciale per nessuno…



In questo articolo: