File di pensionati alle poste ogni primo del mese, Slc Cgil presenta un esposto agli organi ispettivi

La segreteria del sindacato in questione è voluta intervenire su questa cattiva consuetudine per richiamare l’attenzione sui problemi di sicurezza connessi a questa bizzarra consuetudine

Come succede ormai da un po’ di tempo, ogni primo del mese, in occasione del pagamento delle pensioni, si assiste a lunghe file di pensionati costretti a sostare fuori dagli uffici postali in attesa di entrare e prendere la propria prenotazione. Su quest’inconveniente è voluto intervenire Slc Cgil, sindacato di categoria dei dipendenti postali, che richiama l’attenzione sui problemi di sicurezza connessi a questa bizzarra consuetudine.

La segreteria del sindacato in questione, attraverso una nota stampa, fa sapere che: “Tutta ‘colpa’ del ‘Decreto Ministeriale 10 marzo 1998 – Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro’. Una norma di Legge sul ‘sovraffollamento negli uffici pubblici’ che prevede un limite massimo di presenze in rapporto ai metri quadri del locale. Sin qui niente da eccepire, se non il fatto che Poste Italiane applica la normativa legislativa in maniera unilaterale, scaricandola completamente sugli utenti e sui propri dipendenti”.

La Slc Cgil ha più volte rappresentato il problema ai responsabili aziendali che sino ad ora non hanno ritenuto di dover dare alcuna risposta in merito, trincerandosi dietro al silenzio. “Noi riteniamo – si legge ancora nella nota – che Poste Italiane debba necessariamente esporre pubblicamente, all’ingresso di ogni ufficio, il numero di utenti che possono sostare all’interno e dichiarare come viene regolato l’ingresso, dotandosi di personale adeguato e qualificato alla vigilanza. Questo a tutela ovviamente, non solo della sicurezza degli utenti, ma anche dei dipendenti. Le responsabilità invece vengono fatte ricadere esclusivamente sui Direttori degli uffici postali che sono costretti, personalmente o delegando un altro dipendente, a regolare il “traffico” in entrata e in uscita, aprendo e chiudendo personalmente la porta d’ingresso”.

Nella nota, infine, si legge: “Una volta questo lavoro veniva definito ‘servizio di uscierato’, ma in tempi di flessibilità viene denominato ‘facilitatore’, peccato però che non trovi alcun riscontro né contrattuale né di copertura Inail, visti i probabili rischi a cui possono andare incontro i lavoratori (possibili alterchi, aggressioni, rapine). Capiamo ovviamente la timidezza di Poste Italiane ad affrontare il problema, vista la politica al risparmio sugli immobili e sull’accoglienza dell’utenza che ha praticato sino ad ora. La Slc Cgil, comunica pertanto che, dopo aver atteso invano per oltre un anno che l’Azienda Poste facesse chiarezza e affrontasse il problema nel rispetto dei diritti sia degli utenti che dei lavoratori, ha deciso di inoltrare un esposto agli organi di vigilanza preposti: Ispettorato del Lavoro, Spesal e Inail, con la speranza che il problema venga risolto con un intervento ispettivo”.



In questo articolo: