Giornata mondiale dei colori: perché è importante celebrarla e tutte le curiosità

Il 6 Maggio si celebra la World Kids Colouring Day, la giornata mondiale dei colori pensata oltre che per i bambini, anche per i giovani e gli adulti. Scopriamo perché.

Una delle prime cose con cui si ha a che fare nella vita di tutti i giorni sono proprio i colori, ma da bambini e con più evidenza quando si cresce, fino a che non si diventa adulti, non ce ne accorgiamo. I colori sono così parte integrante della nostra quotidianità, che vengono dati per scontati, ma che svolgono un ruolo molto importante nelle scelte che facciamo nella vita di tutti i giorni.

I colori come effetto empatico per i bambini

La World Kids Colouring Day è la giornata dei colori, di non proprio recente istituzione, dedicata in primo luogo e come dice la parola stessa ai bambini, coloro che per primi ne sperimentano la forza evocativa e sensoriale. Negli anni precedenti, la Giornata dei Colori era stata promossa anche per iniziative benefiche e di aiuto da parte dei bambini meno bisognosi verso i più, affinché essi possano entrare tra loro e in modo indiretto, magari più efficace, in empatia.

Poter dare dei colori ad un disegno significa, in questo senso, scegliere secondo una propria logica personale il miglior modo di comunicare sentimenti e stati d’animo. È noto, infatti, come la scelta di alcuni colori rispetto ad altri, significhi una diversa espressione emotiva e quindi un differente modo di vivere non solo una determinata esperienza come ad esempio l’arte, ma anche avere un certo tipo di approccio nella vita di tutti i giorni.

Il giallo, con esempio pratico, rientra nelle cosiddette tonalità calde; è il colore del Sole o della luce che ispira forza, volontà, mette di buonumore e fa sentire più attivi ed energici.

Il blu, al contrario, fa parte della gamma dei toni più freddi, esso può in alcuni casi donaresenso di armonia ed equilibrio, richiamando infatti l’infinito del cielo o anche il moto ondoso del mare, stabile, sinuoso e perpetuo.

I colori nell’età adulta, salute e dieta colorata

Per quanto riguarda l’età adulta, una riconsiderazione importante sul ruolo che i colori svolgono nella nostra vita, sarebbe oltre che un esercizio empatico anche un buon modo di mantenere allenata la propria salute, sia essa anche solo personale ed emotiva.

Come nella scelta del colore di un vestito anziché un altro, della tinta delle pareti di casa o di una stanza in particolareo anche della propria auto, infatti, anche in un elemento fondamentale come il cibo, sono presenti colori in relazione a ciò che si segueper la propria dieta.

Nella medicina non convenzionale, per l’appunto, un’ottima abitudine che stimola le percezioni e fa mantenere alto il livello d’umore è la pratica del mangiare cibo colorato.

Si tratta di una rivalutazione che può aiutare a capire il tipo di alimento che introduciamo nell’organismo e le altrettanti proprietà nutritive in esso contenute.

Nella dieta mediterranea un alimento come la frutta, giusto per fare un esempio, è uno tra gli elementi,in prima analisi, più nutritivi ed allo stesso tempo colorati che segue, in maniera pertinente, anche l’alternanza naturale delle stagioni, che ne determina a sua voltaladisponibilità periodica.

Se in questo senso, e in ultima analisi, si estendesse la riflessione anche in altri ambiti e perché no di più ampio e importante aspetto, magari si potrebbe inoltre riscoprire quella curiosità e quell’incanto propri, come precedentemente detto, di quando si era bambini.



In questo articolo: