Ieri la carica dei 5mila in piazza a Lecce, oggi la via Crucis da Gagliano del Capo per gli ulivi

E’ tutto pronto per la via Crucis voluta da Mons. Angiuli. Un Getsemani senza Ulivi, lo slogan della fiaccolata dei fedeli che partirà da Gagliano e arriverà a Santa Maria di Leuca. Una processione di fedeli si spera possa vedere una grande partecipazione.

Per la domenica delle Palme, tutti in piazza a Lecce. Per il lunedì successivo, la lunga marcia dei fedeli. E tutto sotto la stessa insegna “Gli ulivi vanno salvati”.

Manca poco, quindi, e i salentini con tutti i Vescovi della Metropolia, saranno in cammino da Gagliano del Capo verso la Basilica di Santa Maria di Leuca, in una via Crucis che prevede una fiaccolata. L’inziativa è stata fortemente voluta da  S.E. Rev.ma Mons. Vito Angiuli e dal comitato spontaneo "Voce dell'Ulivo" che ha curato la regia operativa.

Dal comitato "sono invitati a partecipare tutti coloro che vogliono bene a questo territorio e vivono la sofferenza che stanno avendo i nostri alberi di ulivo, nostro simbolo identitario".
"Un’iniziativa di grande importanza in vista anche della nostra intenzione di portare  il dramma del Salento all'attenzione del Santo Padre in un pellegrinaggio ideale verso Roma che stiamo organizzando a fine aprile e che coinvolgerà tutti i comuni leccesi e migliaia di salentini", dicono ancora dalla Voce dell'ulivo.

Durante il percorso le fiaccole illumineranno a giorno gli ulivi malati per sette soste di grande suggestione, occasione di riflessione e preghiera, a simboleggiare l'orazione di Cristo nell'orto dei Getsemani, prima di venir catturato e ucciso. Poi il corteo proseguirà verso il santuario di Santa Maria di Leuca, finis terrae, da dove partirà il messaggio al resto d'Italia e al mondo: "aiutateci a salvare gli ulivi, patrimonio dell'umanità".

Una manifestazione sacra per gli ulivi, che coinvolge le cinque diocesi del Salento. Partenza alle ore 19:30 dalla piazza padri trinitari di Gagliano del Capo (scarica in basso l'allegato con il percorso e le info).

Una preghiera, quindi, tante preghiere ad iniziare la Settimana Santa e difendere le sentinelle del territorio dai tronchi possenti e le chiome che devono tornare ad essere verdi.



In questo articolo: