‘Pene severe per chi fa il bagno con il mare agitato, i bagnini avvisino subito la Guardia Costiera’, il monito del Direttore del 118 di Lecce

Il messaggio di Maurizio Scardia, Direttore del Servizio 118 dell’Ospedale Vito Fazzi di Lecce: “I bagnini avvisino subito la Guardia Costiera. Pericoloso fare il bagno con il mare spazzato dai venti’

Giornate di sole, giornate di mare, giornate salentine. L’arrivo della bella stagione e la fortuna che hanno tutti i salentini di stare a pochi, pochissimi, chilometri dal mare rappresentano un invito irrinunciabile a recarsi sulla costa. Spiaggia o scoglio, a seconda dei gusti, Adriatico o Jonio, a seconda dei venti (clicca qui per sapere come scegliere l’angolo giusto), le marine cominciano a popolarsi e a respirare aria d’estate. Ma il rischio è sempre dietro l’angolo e a ricordarlo ci pensa il dottor Maurizio Scardia, Direttore del 118 di Lecce. Già, il caldo e il sole non possono ingannare, ma i forti venti sì, e dovrebbero dissuadere molti dall’entrare in acqua. I rischi ci sono e sono tanti.

“Chiedo pene severe per chi fa il bagno con il mare in tempesta e quando è presente la segnaletica rossa. I bagnini dovrebbero avvertire immediatamente la guardia costiera”. Parole forti quelle di Scardia sul sito dell’Associazione di Pronto Soccorso dei Poveri guidata dall’operatore sociale Tommaso Prima.

maurizio-scardia
Maurizio Scardia

Scardia fa capire che il salvataggio di chi mette in pericolo la propria vita e quella di chi prova in tutti i modi a salvarlo per riportarlo a riva è una lotta contro il tempo. Non sempre c’è la possibilità di avere mezzi a sufficienza e immediatamente pronti a dare le risposte in termini di presa in cura che sarebbero necessari. La prudenza non è mai troppa, in questi casi. Bisognerebbe evitare di mettere a repentaglio la propria vita per comportamenti intempestivi. Sfidare il mare non è responsabile.

L’invito ai bagnini di avvertire immediatamente la guardia costiera è fondamentale, ma non tutti i lidi al momento sono attrezzati con queste figure perchè non tutti gli stabilimenti, in questi giorni, sono aperti visto che stanno preparando ad organizzare la stagione estiva a partire dalle prossime settimane.



In questo articolo: