“Io non mollo”, accesi i motori della solidarietà per sostenere i malati di cancro e le loro famiglie

Grande successo per i due eventi organizzati a Martano dal gruppo “Io non mollo” per sensibilizzare i cittadini e raccogliere i fondi necessari a creare due sportelli per il sostegno psicologico ai malati oncologici.

Il cancro è una battaglia difficile che si può vincere, anche se si tratta di una partita che si gioca con la vita. Quando la malattia entra con prepotenza nella quotidianità di una famiglia, i pazienti e le persone più vicine a lui sono investite da un mix di sentimenti come la rabbia, la paura, l’angoscia, ma anche il senso di incertezza e impotenza.

Non è facile per le persone malate affrontare la sofferenza così come non lo è per i caregiver, quell’esercito silenzioso e invisibile di genitori, figli e partner che li assistono, ma accorgersi di non essere soli può essere di grande aiuto.

Per questo è nato «Io non mollo», un “gruppo di amici” che ha deciso di accendere i motori della solidarietà per raccogliere i fondi necessari a creare due sportelli per i malati oncologici e le loro famiglie, uno a Martano e l’altro presso il polo Oncologico Giovanni Paolo II di Lecce.

Il progetto ha anche l’obiettivo, non meno importante, di testimoniare quanto sia importante dare un sostegno psicologico a chi ha bisogno, a chi sta vivendo un momento di difficoltà, affinché nessuno si senta solo nell’affrontare il difficile percorso di questa malattia.

“Oncologia – Oggi, domani… futuro ed innovazione”

La strada è lunga, ma le prime due iniziative pensate per raggiungere il traguardo si sono concluse con grande successo: mercoledì 31 ottobre e giovedì 1 novembre, infatti, Martano ha ospitato due appuntamenti organizzati dal Comitato di “Io non mollo” con il Patrocinio del Comune. Due giornate: una dedicata all’informazione, l’altra ad una raccolta fondi.

Il convegno

L’IISS Salvatore Trinchese di Martano ha aperto le sue porte per un importante convegno. Medici oncologi, psicologi e radioterapisti hanno relazionato sul tema e incontrato gli alunni di quarto e quinto anno del Liceo.

A coordinare i lavori la dott.ssa Rosachiara Forcignanò, responsabile del Day Hospital Oncologico “Vito Fazzi” di Lecce. Dopo i saluti del sindaco di Martano, Fabio Tarantino e della dirigente scolastica dell’IISS S. Trinchese, Alieta Sciolti sono intervenuti:

  • la dott.ssa Assunta Tornesello, direttore U.O.C. Oncoematologia Pediatrica Vito Fazzi;
  • il dott. Franco Vimercati, presidente Fism;
  • il dott. Fernando Lupo, direttore U.O.C. Neuroradiologia Vito Fazzi.

Non solo, è stata istituita una borsa di studio da assegnare allo studente del Trinchese più meritevole che, dopo il diploma, desidera intraprendere il Corso di Laurea in Medicina.

Il pranzo di beneficenza

Il 1° novembre, presso Largo Primo Maggio, sempre a Martano, si è tenuto un pranzo di beneficenza. Un’occasione aperta a tutti coloro che desiderano supportare il progetto con il proprio contributo. L’evento è stato un vero successo. Sono stati serviti 1200 pasti.

Martano ha ritrovato uno spirito di comunità e ha colto in pieno lo spirito e la validità del progetto. Ha capito, insomma, che «insieme si può, mollare mai».

 



In questo articolo: