“Matino, città autism friendly”: è l’obiettivo del Centro “Amici di Nico” Onlus per il 2019

Il nuovo anno sarà testimone di un altro importante obiettivo per le persone affette da autismo. A Matino ci si prepara insieme al Centro “Amici di Nico”.

“Matino, città autism friendly”. Prossimamente potremo leggere questa frase agli ingressi del paese e sulle vetrine delle attività commerciali aderenti al progetto, come già sperimentato in altri Paesi europei e realtà italiane.

E’ l’obiettivo che il Centro “Amici di Nico” Onlus si pone per il nuovo anno impiegando le proprie forze a favore dei bambini, degli adolescenti e dei giovani adulti affetti da autismo.

L’ambizioso progetto dal nome “Vivi la Città” punta a creare una rete di collaborazione sul territorio con altre associazioni, esercizi commerciali, enti pubblici e privati, semplici cittadini o volontari che desiderano adottare modalità e misure atte a favorire la fruizione e l’accoglienza delle persone con disturbo autistico.

Attraverso un percorso formativo si procederà a creare una conoscenza territoriale sul comportamento da adottare nell’accoglienza di persone affette dal disturbo ed eventualmente le misure di adeguamento degli ambienti da loro frequentati, come negozi, ristoranti o chiese, con l’obiettivo di eliminare le barriere psicologiche e costruire ponti di inclusione con gli interlocutori.

Il progetto verrà presentato domani pomeriggio alle 15:30 in “Natale in bottega”, all’interno del Palazzo Marchesale, una “ouverture” – secondo Maria Antonietta Bove, presidente del Centro –“di un evento sociale all’interno delle festività natalizie che rappresenta per noi il modo migliore per augurare alle famiglie, agli amici e a tutta la comunità il nostro più grande augurio di buon Natale e buona vita per tutti”.

“Natale in bottega”, evento ricchissimo di attività, è organizzato in collaborazione con “Lab Concept”, ente gestore del Palazzo Marchesale, l’Istituto comprensivo di Matino, l’associazione Pro Loco Sant’ Ermete, l’associazione N.O.V.A.S.S., l’associazione “Amici del Presepe”, il Circolo Musicale “Vincenzo Papadia”, l’associazione “Matinum Natura e Cultura” e vedrà, inoltre, la partecipazione attiva dei ragazzi e dei loro educatori, insieme in “costume” coi “figuranti” del presepe vivente atteso, come ogni anno, dalla comunità matinese.


In questo articolo: