Addio a Franco Lupo, il padre e poeta della Gente Bbona morto a 94 anni

Si è spento nella sua casa poco prima dell’alba il grande poeta Don Franco Lupo, uno dei più amati narratori vernacolari della città di Lecce.

È stato uno dei più grandi poeti leccesi di tutti i tempi, un padre della lingua dialettale, un uomo di Dio.

È morto questa mattina all’età di 94 anni don Franco Lupo, sacerdote amato da tutti e noto per aver raccontato vizi e virtù della città di Lecce nel suo capolavoro “Gente Bbona“.

La Redazione di Leccenews24 saluta con commozione il grande poeta e letterato e lo ringrazia per aver ricevuto ogni anno il dono di una poesia. Il nostro giornale infatti ha pubblicato in occasione delle feste di Natale e di Pasqua alcune delle poesie dialettali più celebri tratte dal libro “Cose te Ddiu“, la Bibbia in dialetto leccese.

Indimenticabile la poesia intitolata ‘Le pittule’ imparata a scuola da tanti bambini ed entrata prepotentemente nel patrimonio culturale salentino.

Chi lascia una traccia di sé non scompare mai, le sue impronte segneranno per sempre la strada da seguire.

Salutani te ddha subbra, don Francu, e nduci sempre cose bbone a qua sutta