PanCuore, ecco il dolce che aiuta i bambini malati

Dalla creatività del maestro pasticciere Giovanni Venneri, è nato il nuovo prodotto dolciario buono, sano e solidale in sostegno all’ALR (Associazione di Volontariato Lorenzo Risolo)

Si chiama “PanCuore”, è un dolce al cioccolato fondente con quattro particolarissime caratteristiche: è buono (è leggero e offre al palato un gusto delicato e unico), è sano (è realizzato con olio extravergine d’oliva e miele al posto di burro e zucchero), è ecosostenibile (la quasi totalità degli ingredienti è a km 0)  e, soprattutto, è solidale (contribuisce a raccogliere fondi a favore della mission dell’associazione).

Giovedì mattina scorso, presso la sala Open Space del Comune di Lecce, il giornalista Pierpaolo Lala ha condotto la presentazione alla stampa e al pubblico di un nuovo prodotto dolciario creato dal maestro pasticciere Giovanni Venneri a sostegno dell’ALR – Associazione Lorenzo Risolo, impegnata nel dare supporto a bambini e famiglie in tema di oncologia pediatrica.

Il dolce sarà commercializzato al pubblico a partire dalla prossima settimana, avrà un costo di 15 euro (è totalmente artigianale) e, per ogni PanCuore venduto, saranno devoluti 2 euro all’ALR. Lo si potrà trovare rivolgendosi all’associazione (www.alorenzo.org), presso la sede di Arianoa, a Lecce, in via Imperatore Adriano, 13 e, naturalmente, presso la pasticceria Cafè dei Napoli ad Alliste e tutti i suoi rivenditori.

“Ho già realizzato negli ultimi tre anni altri prodotti dolciari naturali e con ingredienti a km 0, come il PanSorriso, il PanBellezza e il PanGioia – afferma Giovanni Venneri – ma le emozioni e le sensazioni che mi hanno dato il PanCuore sono assolutamente molto più profonde. Il solo pensiero che chi degusterà questo mio dolce contribuirà direttamente ad aiutare bambini e famiglie colpite da drammi così profondi, mi dà i brividi. Auguro con tutto il cuore, anzi con tutto il PanCuore, che possa essere conosciuto e che possa piacere veramente a tante persone, perché vorrà dire che anche gli aiuti saranno tanti”.

“Da quando abbiamo creato dieci mesi fa la nostra associazione – dichiarano Sonia e Valerio Risolo, genitori di Lorenzo–  abbiamo avuto tante persone intorno a noi che ci hanno permesso di realizzare così tante iniziative e raggiungere i primi grandi risultati, non finiremo mai di ringraziarli tutti, e Giovanni, con la sua arte sopraffina e, soprattutto, con la sua immensa disponibilità, è solo l’ultimo, in ordine di tempo, grande amico a cui ci stiamo legando così profondamente. Assaggiare un dolce così buono e delicato, sapendo quanto Lorenzo amasse il cioccolato, e sapere che ha un valore sia simbolico che concreto così importante, ci rende molto orgogliosi e infinitamente riconoscenti”.



In questo articolo: