“Su barca a mmienzu mare”, la filastrocca domenicale di Miriam Perrone

La filastrocca domenicale di Miriam Perrone in dialetto nord salentino tocca il tema del tempo, il tempo che passa e non ritorna

“Fatti avanti, tempo! Vieni pure, il mio cuore sicuro non ti teme!”. La filastrocca domenicale di Miriam Perrone in dialetto nord salentino tocca un tema che riguarda tutti e che spesso è al centro delle nostre chiacchiere e dei nostri pensieri: il tempo, il tempo che passa. Cosa siamo dinanzi al passare inesorabile dei giorni se non delle barche maltrattate dal vento? Ma dinanzi a questa considerazione il rischio è quello di restare immobili per paura e quindi di non vivere. No, guai a lasciar passare il tempo così. Se il tuo cuore è sicuro lasciati vivere, una barca è fatta proprio per affrontare il mare sia nella tempesta che nella bonaccia.

Quantu malitiempu
è passatu subbra te mie:
friddu,pioggia e ientu.
Suntu na barca
‘mmienzu mare,
nu ‘nce tiempu
ca ae e poi pote turnare.
Iou lu tiempu,
mi lu gotu,
sia ci lu mare stae
agitatu o sia ci stae sotu.
Nienti mi face paura,
o forse sulu dru giurnu,
ca ti mie,
ceddri si piia chiui cura.
Ma poi mi ticu,
su barca a mmienzu mare,
ti nienti chiui mi possu ‘mpaurare.
Tiempu…ieni puri!
Iou oramai,tegnu lu core sicuru…

Traduzione
Quanto maltempo
mi è passato addosso.
Freddo, pioggia e vento.
Sono una barca in mezzo al mare,
non c’è tempo che va e che poi possa tornare.
Io il tempo me lo godo,
sia che il mare sia calmo sia che sia agitato.
Nulla mi fa paura,
o forse solo quel giorno
in cui nessuno si prenderà più cura di me.
Ma poi mi dico,
sono una barca in mezzo al mare,
non posso aver paura di nulla.
Tempo…vieni pure, fatti avanti.
Il mio cuore è al sicuro!

(Foto di copertina di Eby Manca)



In questo articolo: