«Il tempo mio e tuo dove si è nascosto?», la filastrocca di Miriam Perrone

Un tramonto salentino diventa il campo di indagine del tempo che passa e si nasconde. La filastrocca domenicale di Miriam Perrone

Con il tempo siamo chiamati prima o poi a fare i conti. Succede a tutti. Sembra quasi di giocare a nascondino per tutta la vita, poi ad un tratto comincia l’urgenza di trovarlo prima che il gioco finisca. Inizia la necessità di scovarlo, di andarlo a prendere dagli anfratti in cui sembra che sia sparito per guardarlo dritto negli occhi. Lo si trova nelle pieghe di un labbro, nelle orme che lascia, all’interno di un cuore che pulsa vicino al mare, al tramonto, mentre il.sole va a dormire e la luna si è appena svegliata.

Lu tiempu miu e tou
lu sta cercu,
a ddu lu ttrou?
Stae scusu
intra la piega ti nu musu,
intra lu battitu ti nu core…
sienti cce rumore!
Si chiama rusciu ti lu mare,
sai quanti cori è fatti spusare?
Guarda quante pitate,
sienti quante uci vere e cantate…
Lu ientu sta tira,
lu sule si sta ritira
e chianu chianu,
la luna sta ncigna cu si mmira.

Traduzione

Il tempo mio e tuo
lo sto cercando,
dove lo trovo?
È nascosto nella piega di un labbro,
nel battito di un cuore…
Senti che rumore!
Si chiama rumore del mare,
sai quanti cuori ha fatto incontrare?
Guarda quante impronte,
senti quante voci vere e cantate.
Il vento sta spirando,
il sole tramonta
e piano piano
la luna fa capolino specchiandosi nel mare.

Foto di copertina di Leonardo Costantini



In questo articolo: