Concluso il Premio ‘Sergio Vantaggiato’, concorso giornalistico ideato da Panathlon Club Lecce

Daniele Candido vince la decima edizione del Premio ‘Giornalista Per Un Giorno – Sergio Vantaggiato’ organizzato dal Panathlon Club Lecce e dedicato all’indimenticato giornalista leccese

premio-giornalistico

Nei giorni scorsi si è svolta , presso l’aula magna del Liceo Scientifico ‘Banzi’, la cerimonia di premiazione del concorso organizzato dal Panathlon Club Lecce in collaborazione con la Provincia di Lecce, l’Ufficio Scolastico Regionale e l’Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Con la dirigente del Liceo ‘Banzi’ Antonella Manca sono intervenuti il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, l’Assessore allo sport al Comune di Lecce Paolo Foresio, il sindaco di Cavallino Bruno Ciccarese Gorgoni, la referente del concorso per l’Ufficio Scolastico Regionale Roberta Manco, il presidente del Gruppo Telerama Paolo Pagliaro, i familiari di Sergio Vantaggiato: il figlio Martino, la sorella Rosanna e il fratello Antonio.

I premiati dell’edizione 2018

È stato Daniele Candido, studente del Liceo Scientifico ‘Banzi’ di Lecce, a vincere la decima edizione del Premio ‘Giornalista Per Un Giorno – Sergio Vantaggiato’. Al secondo posto Roberta Giordano del Liceo Scientifico ‘Virgilio Redi’ di Squinzano, terzi  ex aequo Giulio Rizzo del Liceo Scientifico ‘C. De Giorgi’ di Lecce e Francesco Pellegrino del Liceo Scientifico ‘Banzi’.

Un premio speciale per l’originalità del testo è stato assegnato a Natasha Russo del Liceo Statale ‘P. Siciliani’ di Lecce. Prima della classifica junior riservata agli studenti delle due classi di collegamento Alessandra Abruzzo del Liceo Classico ‘G. Palmieri’ di Lecce.

Completano la graduatoria finale,  nell’ordine, Sara Spedicato del Palmieri di Lecce, Marco Giaffreda e Federica De Salve del Q. Ennio di Gallipoli, Claudia Paladini, De Giorgi, Lecce, Sara Greco, del Palmieri, Marco Leucci, De Giorgi, Maria Francesca Colelli, Liceo Palmieri, Gabriele Cuppone, Galilei, Nardò, Edoardo Marrocco, Vallone, Galatina e Alessia Cenerini dell’Olivetti di Lecce.

Con i Panathleti hanno partecipato all’evento conclusivo del Premio numerose personalità del mondo sportivo ed istituzionale tra cui Luana De Mitri, delegata della Figc per la provincia di Lecce, Anna Rosa Cavalcanti, Luciana Petrucci e Annamaria Monaco, ex atlete attivissime negli anni ’60, Viviana Verri, vincitrice della 100 km del Gargano nel 2015 e tra le prime atlete in quella del Passiatore 2017.

Il Premio Sergio Vantaggiato

In memoria di Sergio Vantaggiato il Premio ‘Giornalista per un giorno’ premia l’abilità e l’originalità innovativa degli studenti delle Scuole Medie Superiori di Lecce e provincia, chiamati a cimentarsi nella elaborazione di un articolo a tema. Vi possono partecipare tutti i ragazzi delle scuole medie superiori della provincia attraverso un elaborato che rispecchi uno dei tre argomenti previsti dal regolamento del concorso. Sono previste assegnazioni di borse di studio da 500, 300 e 200 euro e attestati d’onore per i primi classificati.

In questa decima edizione, la valutazione dei 123 articoli inviati da sedici istituti di istruzione superiore della provincia di Lecce è stata effettuata da una commissione composta dai giornalisti Angelo Sabia, Toti Gentile e Ludovico Malorgio, dal Colonnello E.I. Carmelo Guido e dal professore Antonio Vantaggiato, fratello del compianto Sergio.

Chi era Sergio Vantaggiato

Giornalista e conduttore televisivo leccese, Sergio Vantaggiato scompare tragicamente a soli 41 anni, nell’estate del 2007, a seguito di una caduta nella metropolitana di Parigi, nella stazione di  Bir-Hakeim, la fermata del metrò più vicina alla Tour Eiffel.

Erano circa le 21,30 di domenica 12 agosto 2007 quando il popolare conduttore quarantunenne si accingeva insieme al fratello Antonio al figlioletto Martino a salire su un convoglio della metro, all’altezza della stazione metropolitana a cielo aperto di Bir-Hakeim.

Successe tutto in un attimo. Scene di cui anche oggi si sente spesso raccontare in Tv. Due individui tuttora non identificati scipparono lo zainetto a Sergio che, come in un film d’azione, prima della chiusura delle portiere, si lanciò d’istinto all’inseguimento dei suoi aggressori.

Una rovinosa caduta all’indietro su di una delle scalinate presenti e il conseguente grave trauma cranico lo porterà, dopo solo due giorni alla morte, nell’ospedale parigino Saint Louis.

Questa è la triste vicenda di Sergio Vantaggiato, popolare giornalista sportivo di Lecce a cui i leccesi sono molto legati. Anche per questo, a Sergio, prima dell’inizio del campionato di calcio 2007-2008, fu intitolata la sala stampa dello stadio di via del mare.


In questo articolo: