Ritorno ai Paduli: a piedi lungo l’itinerario delle pietre

Sarà il suggestivo itinerario delle pietre nel cuore del feudo di Giuggianello, a fungere da scenario del primo appuntamento in programma domenica 3 maggio del nuovo ciclo di escursioni nel Parco Paduli.

Da domenica 3 maggio sino a domenica 31 maggio si rinnovano gli incontri di mobilità lenta, organizzati dal progetto “abitare i paduli”; il laboratorio nel più ampio ambito di sperimentazione della “multifunzionalità agricola”, prevede delle visite a piedi, in bici, talvolta a cavallo, lungo diversi itinerari del Parco Paduli, con il supporto di una guida turistica abilitata.

Il percorso previsto per domenica prossima prevede la visita della Cripta di San Giovanni, da cui percorrendo vie rurali, si giungerà ai “Massi della Vecchia”, singolari conformazioni rocciose, la cui storia è imperniata da antiche leggende locali. Si confluirà infine nell’Agri-teatro, che fu discarica abusiva, oggi bonificata.

Anche i successivi appuntamenti non mancheranno di offrire una commistione tra storia e contatto con l’ambiente rurale, in accordo con quanto prefiguratosi nel progetto del Parco Agricolo multifunzionale, indirizzato appunto alla valorizzazione dei beni materiali e immateriali presenti. L’idea è quella di promuovere il territorio, lanciando un innovativo modello di fruizione ecosostenibile, e proponendo iniziative per un turismo sano.

I visitatori potranno così immergersi in una dimensione in cui la difesa della funzione agricola passa per la valorizzazione dei luoghi, degli uliveti secolari, delle fasce di vegetazione spontanea e nel racconto dei beni architettonici mediante testimonianze storico-culturali.

Molteplici sono quindi i motivi per partecipare alle escursioni: esperienze salutari, culturali, occasioni di riscoperta o conoscenza dei luoghi, spunti di riflessione per valutare come, non utopisticamente, talvolta l’innovazione trovi il suo nido nella tradizione.

di Irene Troisio



In questo articolo: