Tutto pronto per i saldi invernali, la caccia all’affare interessa soprattutto il Sud

C’è grande attesa per i saldi invernali che, secondo una indagine condotta da SWG per Confesercenti, sono attesi soprattutto nelle regioni del Sud.

lecce-centro-storico

I saldi invernali, ai nastri di partenza, restano uno degli appuntamenti commerciali più attesi dell’anno. Secondo una indagine condotta da SWG per Confesercenti su un campione di 1.200 consumatori oltre quattro italiani su dieci (il 41%) hanno intenzione di approfittare degli sconti per acquistare quei capi d’abbigliamento che avevano ‘puntato’ in vetrina o quegli articoli tanto desiderati, ma ‘irraggiungibili’ a prezzo pieno

Ma non è l’unica sfaccettatura emersa. Secondo l’associazione, i saldi sono attesi soprattutto nelle regioni del Sud, dove il 46% degli intervistati ha confidato l’intenzione di avvalersi dei ribassi di fine stagione per rinnovare l’armadio o dare un tocco in più al guardaroba con quei capi alla moda. La percentuale si riduce al 41% nelle regioni del Centro e al 38% in quelle del Nord.

Aumenta dal 37 al 41% la quota di consumatori che deciderà di acquistare sul momento, in base alle offerte. Insomma, passata la corsa ai regali di Natale le strade torneranno ad animarsi di gente a caccia dell’occasione nei negozi fisici che mantengono il loro appeal e ‘resistono’ nonostante la concorrenza del web che, sempre secondo l’indagine, non la farà da padrone. Solo il 17% si affiderà ai siti online per i propri acquisti.

I consigli per evitare rischi e truffe sono sempre gli stessi: prezzi gonfiati su cui viene applicato lo sconto, ma anche capi di collezioni vecchie o ‘difettosi’. Il cartellino deve indicare sia il prezzo “ordinario” che quello scontato, riportando anche la percentuale di sconto. Per evitare che i potenziali clienti possano confondere la merce in saldo con quella a prezzo pieno il negozio dovrebbe ‘separare’ i due reparti. È bene diffidare delle offerte eccessivamente vantaggiose (pari o superiori al 60%, fatto più ‘usuale’ mano a mano che ci si avvicina alla data di fine saldi).



In questo articolo: