Sos casa: una coppia leccese con la figlioletta alla ricerca di un tetto dove poter vivere

Una coppia di Lecce con la loro figlioletta è alla ricerca di una casa dove poter vivere dopo il loro sfratto. Cercano un appartamento a 350 euro mensili: caparra e prime mensilità saranno anticipate da una Onlus della Caritas diocesana. L’emergenza abitativa continua.

L’emergenza abitativa non si arresta, nemmeno a Natale. In questo 2015 ne abbiamo raccontati tanti di casi, raccogliendo decine di appelli disperati di uomini, donne, coniugi alla ricerca di una casa. Oggi ne arriva un altro, l’ennesimo. L’appello arriva direttamente da ‘Codici Lecce’, Centro per i Diritti del Cittadino e Associazione di Consumatori e Utenti. La Onlus salentina è infatti alla ricerca di un appartamento a Lecce o nelle immediate vicinanze da locare subito a una famiglia composta dai coniugi e dalla loro figlia di soli 10 anni.
 
Limitate, certo, le disponibilità economiche della coppia, ma pur sempre esistenti: l'importo massimo della locazione, infatti, è quello di trecentocinquanta euro mensili, per un immobile dotato necessariamente di almeno due camere da letto. Da non sottovalutare però un aspetto: la cauzione e le prime cinque (forse anche sei) mensilità saranno versate, tramite la Caritas diocesana di Lecce, da una Onlus i cui fondi sono gestiti dalla Prefettura, dalla Caritas e dal Comune di Lecce. Potrebbe stipularsi anche un contratto della durata di un anno. L'ente ha già deliberato sull'erogazione di tali importi, a tal fine già accantonati e che saranno versati da questi direttamente al locatore; la prima tranche, pari a un mese di cauzione e alla prima mensilità del canone di locazione, è disponibile e può essere erogata immediatamente, alla presentazione del contratto.

In caso contrario, il 26 dicembre questa famiglia non avrebbe più un tetto sotto il quale vivere e a questa bambina sarebbe negato tutto: albero, presepe, regali, l'atmosfera natalizia e, tra pochi giorni, persino una casa. 

‘E' una situazione drammatica e angosciante perchè i tempi per trovare un'abitazione sono davvero ridottissimi – afferma il segretario di Codici Lecce Stefano Gallotta – I contributi per la locazione sono stati riconosciuti e l'Ente attende solo il contratto di locazione perché siano versati direttamente al locatore. Non ci può essere una garanzia più solida di questa, visto che le somme sono già stanziate e l'Ente e del Consiglio di Amministrazione fanno parte le più autorevoli cariche cittadine. Una società civile non può restare indifferente dinanzi a questi appelli e non può permettere che una famiglia finisca per strada’.
 
Per contatti e ogni chiarimento si può contattare il numero 338.4804415.



In questo articolo: