Tartaruga salvata dalle guardie zoofile, era rimasta ferita nei pressi di Spiaggiabella

Il ritrovamento di un esemplare di tartaruga Caretta Caretta è avvenuto stamane intorno alle 10. Il titolare del lido di fronte al quale si è spiaggiata, dopo averla avvistata, ha immediatamente avvertito l?assessore Andrea Guido.

Grazie all’aiuto del titolare dello stabilimento balneare “Lido Kalù” di fronte al quale si era fermata, in difficoltà, è stata soccorsa e presto tornerà nel suo habitat naturale. Tutto è bene quel che finisce bene per una tartaruga che era rimasta ferita nei pressi di Spiaggiabella

Il ritrovamento di un esemplare di tartaruga Caretta Caretta nei pressi della località balneare Spiaggiabella è avvenuto stamane intorno alle 10. Il titolare del lido di fronte al quale si è spiaggiata, dopo averla avvistata ha immediatamente avvertito l’assessorato alle politiche ambientali di Andrea Guido. Subito si è attivata la macchina dei soccorsi che ha visto scendere in campo le guardie per l’ambiente, nucleo comunale di guardie zoofile guidato da Domenico Clemente. Dopo i primi interventi di soccorso la tartaruga è stata trasportata nel centro recupero tartarughe marine del Salento che si trova a Masseria di Rauccio.

Gli esperti hanno subito notato che l’animale era ferito: riportava infatti delle lesioni, forse dovute ad uno scontro con qualche imbarcazione. La tartaruga è stata medicata e, dopo la marcatura di routine necessaria al monitoraggio della specie, una volta guarita verrà rimessa in libertà. “Capita spesso che esemplari di Caretta Caretta, la tartaruga marina più comune del Mar Mediterraneo, intrappolati nelle reti dei pescatori salentini del versante adriatico, vengano rinvenuti spiaggiati sui lidi salentini – ha commentato Andrea Guido, Assessore alle Politiche Ambientali – Caretta Caretta, infatti, è fortemente minacciata in tutto il bacino del Mediterraneo e ormai al limite dell’estinzione nelle acque territoriali italiane”.



In questo articolo: