Ferragosto di dolore per le vittime di Genova, a Otranto annullato lo spettacolo pirotecnico in onore dei Santi Martiri

Poche ore dopo la tragedia sul ponte Morandi, il Comune idruntino ha scelto di annullare il suggestivo spettacolo pirotecnico in segno di cordoglio.

E’ un Ferragosto di dolore, null’altro si può dire dopo quanto accaduto ieri a Genova. Il crollo del ponte Morandi ha colpito al cuore la città di Genova e l’Italia intera.

Le agenzie di stampa hanno battuto ora dopo ora il triste e inesorabile bilancio delle vittime che dal numero di 20 sono salite a 37, tra cui 3 minori. Sono circa 15 i feriti, ancora tanti i dispersi.

Un dolore che ha toccato il Paese intero, tra la rabbia per quello che si sarebbe potuto evitare e le polemiche che invitabilmente incalzano.

Non si può rimanere indifferenti davanti a un’ imponente opera che crolla su stessa, spazzando via vittime innocenti. E così, alle parole di cordoglio provenienti da tutta Italia, si sono aggiunte anche quelle del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che, a nome dei pugliesi, si è detto vicino al dolore per le perdite di Genova.

Anche dal Salento sono arrivati segnali di grande commozione e di partecipazione alla pena di queste ore. Il Comune di Otranto, ad esempio, nella giornata di ieri ha comunicato sul proprio sito istituzionale che “lo spettacolo pirotecnico previsto a conclusione dei festeggiamenti in onore dei SS. Martiri di Otranto è stato annullato  per esprimere cordoglio e vicinanza alle famiglie che hanno perso i propri cari nel crollo del ponte a Genova”.

Quindi, una notte senza i fuochi tradizionali quella di ieri nella città idruntina e che attraggono ogni anno vacanzieri e turisti da ogni dove. Il silenzio è più consono al dolore.



In questo articolo: