All’alt della Polizia dà in escandescenza. Nei guai 37enne

Gli agenti del Commissariato di Polizia, nel corso dei controlli, hanno denunciato un 37enne che alla vista degli agenti ha dato di matto. Poi il controllo ha portato alla denuncia dell’uomo per guida senza patente. Finiscono nei guai, in un altro posto di blocco, dei giovani.

Nel corso dei controlli straordinari disposti dal commissariato di Taurisano, su tutto il territorio di competenza, due le occasioni in cui vi è stato un bel da fare per gli agenti in servizio.
 
In un primo caso, personale del Commissariato di Polizia ha denunciato in stato di libertà un 37enne di Supersano, volto già noto.
L’uomo, fermato in Corso Umberto I, nelle vicinanze di piazza Castello, si trovava a bordo di una Fiat 500 vecchio modello, con la moglie e i 4 figli minorenni.
 
Alla richiesta dei poliziotti di fornire i documenti per un controllo, il 37enne ha “visto rosso” e ha cominciato a dare in escandescenza, inveendo contro gli operatori con frasi minacciose e oltraggiose, attirando l’attenzione di numerosi passanti.
 
Durante le fasi decisamente concitate del controllo, il conducente ha continuato con le invettive, urlando contro gli agenti. Persino la moglie ha cercato di calmare il marito senza tuttavia riuscirvi, mentre l’uomo tirava dei pugni contro il finestrino della sua auto per poi buttarsi a terra inscenando un malessere. Sul posto è addirittura intervenuta un’ambulanza del 118 , i cui operatori hanno constatato un trauma alla mano per i pugni sferrati contro il finestrino.
 
Dal controllo è poi emerso che l’autovettura era sprovvista di copertura assicurativa, pertanto, è stata sottoposta a sequestro e l’uomo contravvenzionato anche perché viaggiava sprovvisto di patente di guida.
 
 
Nel secondo caso, nel corso di altri controlli, il personale del commissariato Taurisano ha proceduto a fermare un’autovettura il cui conducente, alla vista degli operatori, ha spinto sull’accelleratore per eludere il controllo. Da qui è scattato l’inseguimento e dopo poco l’auto è stata fermata. A bordo vi erano due giovani, già conosciuti per reati contro il patrimonio. Gli operatori di Polizia hanno così proceduto con la perquisizione personale e veicolare: all’interno dell’auto sono state rinvenute due cacciavite e l’autista, un 20enne di Taurisano, è stato deferito in stato di libertà per  possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso.



In questo articolo: