Gli rubano il libretto di circolazione e chiedono 150 euro per restituirlo, in manette una 28enne e un 46enne

I fatti avvenuti lo scorso 20 ottobre a Racale. Le indagini hanno consentito di individuare i malviventi. I Carabinieri hanno eseguito il provvedimento.

Prosegue senza sosta l’attività dei militari dell’Arma per prevenire e reprimere i reati di natura predatoria.

Nell’ambito di questo servizio i Carabinieri della Stazione di Racale, hanno arrestato, su richiesta dell’Autorità Giudiziaria: Ines Stamerra 28enne, all’epoca dei fatti agli arresti domiciliari e Santino Apollonio 46enne, in quanto ritenuti responsabili, in concorso tra loro, della rapina e del tentativo di estorsione perpetrati nella cittadina del Sud Salento, la notte dello scorso 20 ottobre, ai danni di un venticinquenne del posto.

I fatti

In particolare, quella notte gli uomini del Nor, Sezione Radiomobile sono intervenuti in Via Mazzini, dove, poco prima, due ignoti a piedi, non armati e a volto scoperto, avevano tentato di rapinare di tutto il denaro in suo possesso il ragazzo, dopo aver bloccato la Ford Fiesta su cui viaggiava.

La vittima ha quel punto è fuggita a piedi portando con sé le chiavi dell’auto e ha contattato i Carabinieri per poi constatare, una volta riavvicinatosi al mezzo, che da questo era stata rubata la carta di circolazione, oltre che un biglietto su cui era annotata la propria utenza di cellulare, utilizzata poco dopo da una donna per contattarlo e chiedere, senza riuscirvi, 150 euro in denaro contante a fronte della restituzione del documento. Successive indagini condotte dagli uomini della “Benemerita” di Racale hanno consentito di assicurare i malviventi alla giustizia.

Ines Stamerra, inoltre, è stata, altresì, ritenuta responsabile di evasione, avendo commesso i reati in violazione della misura degli arresti domiciliari cui era sottoposta.



In questo articolo: