Presunta frode carosello? La Procura chiede il rinvio a giudizio per Paride Mazzotta e altri imputati

Il consigliere regionale di Forza Italia produrrà a breve una memoria difensiva per chiarire la propria posizione

Produrrà una memoria difensiva, Paride Mazzotta, consigliere regionale di Forza Italia, coinvolto nell’inchiesta su una presunta frode carosello ed una serie di reati fiscali, assieme ad altre 17 persone.

Nella mattinata di ieri, dinanzi al gup Alessandra Sermarini, era previsto l’ascolto del 33enne di Carmiano che ha scelto di depositare a breve un documento scritto per chiarire la propria posizione. Intanto, il pm Donatina Buffelli ha discusso in aula nel corso dell’udienza preliminare, chiedendo il rinvio a giudizio per tutti gli imputati.

Rischiano di finire sotto processo, oltre a Paride Mazzotta: Giancarlo Mazzotta, 52 anni, imprenditore ed ex sindaco di Carmiano; Hermes Mazzotta, 27 anni; Pierluigi Mazzotta, 54enne; Greta Mazzotta, 30 anni (tutti di Carmiano). E poi, Luciana Quarta, 56 anni originaria di Carmiano; Tony Giordano, 35 anni di Carmiano; Niceta Camassa, 39enne di Melendugno; Pierpaolo Calabrese, 53enne di Campi Salentina; Francesco Petito, 53 anni di Veglie; Antonio Perrotta, 38enne di Martano; Pantaleo Perrotta, 61 anni di Martano; Antonio Quarta, 66enne di Carmiano; Valerio Conversano, 68enne di Carmiano; Dario Russo, 51 anni di Nardò; Daniele De Leo, 55 anni di Lecce. Rischiano il processo anche sei aziende facenti capo ad alcuni imputati.

La prossima udienza è prevista il 30 settembre, quando si concluderanno le arringhe difensive degli avvocati. In seguito il giudice dovrebbe stabilire se accogliere l’istanza della Procura o prosciogliere gli imputati. Nello stesso giorno, si dovrebbe discutere il giudizio abbreviato per altre due persone. Si tratta di: Giovanni Bassi, 49 anni, di Borgagne e Francesco Palumbo, 42enne, di Monteroni

L’inchiesta

Gli imputati rispondono a vario titolo ed in diversa misura, delle ipotesi di reato di: evasione fiscale (sarebbe avvenuta tra il 2017 ed il 2020), truffa, autoriciclaggio, turbata liceità degli incanti.

Il collegio difensivo

Sono assistiti dagli avvocati: Stefano De Francesco, Paolo Spalluto, Andrea Sambati, Luigi Covella, Giuseppe Romano, Maurizio My, Dimitry Conte, Francesco Vergine, Saverio Sticchi Damiani, Massimo Manfreda, Antonio Savoia, Giuliano Fina, Antonio Luceri, Claudio Di Candia, Enrico Cimmino, Giovanni Colomba, Roberto Eustachio Sisto, Pantaleo Cannoletta.

Intanto, la Regione Puglia si è già costituita di parte civile con l’avvocato Daniela Limongelli.



In questo articolo: