Presunti abusi su due minori. Coppia di uomini finisce sotto processo

I due imputati potranno difendersi dalle gravi accuse, nel corso del dibattimento che si aprirà nei prossimi mesi.

Una coppia di uomini, accusata di abusi sessuali su due ragazzini, è finita sotto processo. Al termine dell’udienza preliminare, nella mattinata di oggi, il gup Giulia Proto ha rinviato a giudizio i due imputati con l’accusa di violenza sessuale di gruppo aggravata e continuata, accogliendo la richiesta di rinvio a giudizio del pm Rosaria Petrolo.

I genitori dei due minori si sono costituiti parte civile. Sono assistiti dagli avvocati Silvio Caroli, Giorgio Caroli, Vincenzo Del Prete, Simone Viva e Antonio Castelluzzo.

Il processo si aprirà il 5 febbraio del 2024 dinanzi ai giudici della prima sezione collegiale.

I due imputati, difesi dagli avvocati Fabrizio Mangia e Angelo Valente, potranno difendersi dalle accuse, nel corso del dibattimento.

Nei mesi scorsi, nel corso dell’incidente probatorio dinanzi al gip, si è tenuto l’ascolto protetto dei due ragazzini presso la Procura per i Minorenni.
Le due giovani vittime di presunti abusi sessuali hanno confermato le accuse.

L’arresto

La coppia omosessuale era stata arrestata e ristretta ai domiciliari con braccialetto elettronico, a seguito di un’ordinanza di custodia cautelare, con le accuse di violenza sessuale di gruppo aggravata e continuata. Attualmente i due sono sottoposti al divieto di avvicinamento alle persone offese.

Le indagini hanno preso il via dalla denuncia dei genitori di un 14enne con problemi di disabilità, presentata presso la stazione dei carabinieri. I fatti, tutti da verificare, sarebbero avvenuti in un comune del Basso Salento, a partire da febbraio del 2021 e fino ad agosto del 2022. In base a quanto ricostruito dagli inquirenti, gli “amici di famiglia” ospitavano spesso il ragazzo che in quelle occasioni avrebbe subìto molestie. Ed affinché la vicenda rimanesse segreta, si sarebbero raccomandati di non riferire nulla ai genitori e di mantenere il segreto.

Il ragazzino si sarebbe però confidato con un’amica d’infanzia e tramite i familiari di quest’ultima, la rivelazione sarebbe arrivata ai suoi genitori. E successivamente, il 14enne avrebbe confermato ogni cosa a mamma e papà, sostenendo in lacrime che gli abusi si erano verificati varie volte. Inoltre, i due sono accusati di avere molestato con palpeggiamenti nelle parti intime, un altro minorenne, di 13 anni, alla presenza di altri bambini che dormivano nella loro casa. La coppia omosessuale ha respinto le accuse nel corso dell’interrogatorio di garanzia dinanzi al gip Liguori.

Nei mesi scorsi, durante l’incidente probatorio, si è, invece, tenuto l’ascolto protetto dei due ragazzini presso la Procura per i Minorenni. Le due giovani vittime avrebbero confermato le accuse.