Furto alla stazione IP di via Taranto, torna in azione la ‘banda del buco’

Malviventi hanno agito nottetempo, effettuando un buco su una parete interna posteriore della stazione di servizio IP che sorge su via Taranto. La scoperta questa mattina da parte del titolare che ha allertato la Polizia.

Hanno agito nottetempo, utilizzando una tecnica già collaudata. Nel mirino di malviventi ben intenzionati a fare bottino è di nuovo un esercizio commerciale di via Taranto, l’arteria che dall’obelisco porta verso la zona industriale della città. Questa volta l’obiettivo è stata la stazione di servizio IP, uno dei pochi distributori di benzina che ancora insistono sulle vie cittadine.

Il colpo deve essere stato probabilmente messo a segno dopo le 2 di notte, quando i ladri – operando con le stesse modalità utilizzate da ignoti a fine dicembre presso la rivendita tabacchi Quadrifoglio – hanno effettuato un buco in una parete adiacente la stazione di servizio per penetrare all’interno. Il foro è stato effettuato nella parte posteriore, non visibile procedendo lungo via Taranto.

I malviventi hanno dimostrato molta abilità visto che l’allarme collegato all’Istituto di Vigilanza Alma Roma non è scattato e la scoperta è stata fatta questa mattina dal titolare della stazione IP, che subito ha avvertito la centrale Alma Roma, oltre che chiamare il 113. Dagli uffici della Questura sono giunti sul posto gli agenti della Polizia, con i colleghi della Scientifica, per avviare le indagini del caso.

Ad essere stata portata via una piccola cassetta di sicurezza contenuta all’interno dei locali. Ancora non si conosce bene l’entità del bottino, ma se si tratta del ricavato della giornata di ieri, si può immaginare che non si tratti di pochi spiccioli. La stazione è dotata di impianto di videosorveglianza, ma i ladri potrebbero essere sfuggiti agli occhi elettronici.



In questo articolo: