Coronavirus, guariscono i titolari della pizzeria leccese: “Un messaggio di speranza per tutti noi”

Dopo 25 giorni ed una terapia d’urto, la coppia risulta clinicamente guarita, con esito negativo al tampone. Imminenti le dimissioni.

A distanza di quasi un mese dalla comparsa dei primi sintomi, finalmente sembrano finire le difficoltà per il titolare di una pizzeria di Lecce e per sua moglie, tra i primissimi casi di contagio di Coronavirus in Salento. Dopo una lunga terapia d’urto, la coppia risulta clinicamente guarita e, dato l’esito negativo del tampone, tra pochi giorni potranno tornare a casa e riabbracciare i propri figli. È un “messaggio di speranza per tutti noi”, come dicono i famigliari della coppia per dare la notizia delle ormai imminenti dimissioni dei due.

Era stata la donna ad affidare la sua testimonianza amara ad un post su Facebook, rompendo il silenzio per cercare di mettere a tacere le voci spesso incontrollate e le ‘ricostruzione fantasiose’. Ad accusare i sintomi all’inizio di marzo era stato il titolare della pizzeria che, di comune accordo con la moglie, ha prontamente lasciato la gestione del suo locale ai fidati dipendenti, prima dell’arrivo dei decreti che hanno imposto la chiusura della gran parte delle attività italiane.

Da lì il percorso è stato lungo e non sono mancate le difficoltà nel cercare di farsi visitare da parte degli operatori sanitari. È stata la tenacia e l’insistenza a ‘sbloccare’ la situazione e a convincere gli operatori sanitari a sottoporli a tampone, poi risultato positivo, come dice la donna nel primo post su Facebook. Per fortuna la fine di questa terribile esperienza si avvicina a, dopo circa 25 giorni, i due sembrano aver ritrovato completamente la speranza.

Le altre guarigioni

Iniziano ad aumentare i casi di guarigione in Salento. Oltre al titolare della pizzeria leccese e a sua moglie, sono recenti le guarigioni dell’avvocato di Melendugno e dell’anestesista dell’Ospedale San Giuseppe di Copertino.  L’avvocato sin da subito ha raccontato la sua esperienza alla redazione di Leccenews24 ed anche lui, dopo più di 20 giorni di ricovero, è riuscito a sconfiggere il nemico invisibile. Le buone notizie sono arrivate subito dopo anche per l’anestesista a Copertino.



In questo articolo: