Ex direttore dell’ospedale muore dopo aver contratto il Covid. Aperta un’inchiesta con 16 medici indagati

Il 77enne è morto al Dea del Vito Fazzi di Lecce, dove era stato ricoverato dopo aver contratto il covid all’Ospedale “Cardinal Panico” di Tricase.

Sarà l’inchiesta della magistratura a far luce sul decesso del medico Fausto Gatto, direttore amministrativo per lungo tempo dell’ospedale di Gallipoli. Il 77enne è morto il primo maggio scorso al reparto Dea del Vito Fazzi di Lecce, dopo aver contratto in precedenza il Covid all’Ospedale “Cardinal Panico” di Tricase.

A seguito della denuncia dei due figli Barbara e Luca, attraverso l’avvocato Luigi Ciccarese del Foro di Padova, il pm Giorgia Villa ha avviato i necessari accertamenti investigativi. E nella giornata di domani sarà conferito l’incarico al medico legale per eseguire l’autopsia.

Come atto dovuto in vista dell’esame autoptico, i nominativi di 16 medici dell’ospedale di Tricase, che hanno avuto in cura il paziente, sono stati iscritti nel registro degli indagati, per l’ipotesi di reato di omicidio colposo. E nella giornata di domani potranno nominare un consulente tecnico di parte. Stesso discorso per i familiari della vittima.

Nell’esposto presentato dai figli viene ricostruita la vicenda. Il 77enne è stato ricoverato il 25 marzo per essere sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. L’operazione è andata a buon fine ed il paziente doveva essere dimesso in data 30 marzo. A causa di una complicanza ai polmoni è rimasto in lungodegenza al’ospedale di Tricase. Come da protocollo, era stato anche sottoposto a tampone all’ingresso e nei giorni successivi risultando negativo.

Solo in data 8 aprile, sarebbe risultato positivo al Covid. Ed il 16 aprile venne disposto il trasferimento al reparto Dea del Vito Fazzi di Lecce. Ed infine, in data 1 maggio, a causa di un ulteriore peggioramento delle condizioni di salute, Fausto Gatto è deceduto.

I figli della vittima, attraverso l’esposto, chiedono sia fatta chiarezza su alcuni aspetti della vicenda. Anzitutto, si chiedono come mai il padre, paziente fragile e immunodepresso, abbia contratto il Covid in ospedale. E si domandano se la terapia a cui è stato sottoposto sia stata corretta.

Sulla vicenda è intervenuto anche il direttore sanitario dell’ospedale di Tricase, Pierangelo Errico: “Esprimo anzitutto il mio grande dispiacere per quanto accaduto al dottor Fausto Gatto. Tengo però a precisare che al momento l’iscrizione nel registro degli indagati dei medici dell’ospedale è un atto d’ufficio”. E aggiunge: “L’intervento chirurgico ha avuto esito positivo. Il paziente ha patito un caso d’importazione di variante inglese del covid di un altra persona arrivata in reparto con tampone risultato inizialmente negativo e, pochi giorni dopo, positivo”. E conclude “L’ospedale di Tricase ha applicato tutte le precauzioni ed il protocollo previsto per casi del genere”.



In questo articolo: