Secondo caso di Covid-19 in Serie A: è Gabbiadini della Sampdoria

Il virus inizia a diffondersi anche in Serie A. Dopo la positività di Rugani della Juventus, questo pomeriggio si è riscontrato il caso in casa Samp.

A meno di 24 ore dal primo caso di contagio riferito a Daniele Rugani della Juventus, la Serie A deve ora fare i conti con la seconda positività. Si tratta di Manolo Gabbiadini, attaccante della Sampdoria.

Ad annunciarlo è stata direttamente la società ligure con un comunicato apparso sui suoi canali ufficiali:

“L’U.C. Sampdoria informa che il calciatore Manolo Gabbiadini è risultato positivo al Coronavirus-COVID-19, ha qualche linea di febbre, ma sta bene. La società sta attivando in queste ore tutte le procedure di isolamento previste dalla normativa”.

Un altro scossone, dunque, per tutto il campionato. Dopo il caso di Rugani nelle scorse ore è finita in quarantena l’intera Juventus, oltre all’Inter, ultima avversaria dei bianconeri domenica scorsa. Da questo pomeriggio andrà in isolamento anche la Samp che ha già avvertito il Verona, suo avversario l’8 marzo scorso, gara in cui Manolo Gabbiadini ha giocato esattamente 60 minuti.

“Voglio ringraziare tutti quelli che mi hanno scritto, mi sono arrivati già tantissimi messaggi. Ci tengo comunque a dirvi che sto bene, quindi non preoccupatevi. Seguite tutti le norme, restate a casa e tutto si risolverà”, ha scritto il calciatore su Instagram.

Sempre più caos, quindi, nel massimo campionato italiano che rischia, a questo punto, di trovare l’epilogo che nessuno avrebbe mai voluto, cioè lo stop definitivo.

In quarantena da ieri sera è finito anche Walter Zenga, neo tecnico del Cagliari, insieme al Presidente Giulini: i due sono stati relegati in isolamento dalla Regione Sardegna poiché rientrati nei giorni scorsi dalla Lombardia.



In questo articolo: