I carabinieri beccano il ladro mentre scavalca la recinzione, ai domiciliari 50enne di Aradeo

L’attuale arrestato si sarebbe introdotto all’interno di una casa per poi darsi alla fuga. Scoperto dal figlio della proprietaria è stato arrestato dai militari dell’Arma che stavano transitando proprio in zona per perlustrare il territorio.

Si sarebbe introdotto in un’abitazione per compiere un furto e, subito dopo, si sarebbe dato repentinamente alla fuga per poi essere acciuffato dai Carabinieri che lo hanno tratto in arresto.
Per questi motivi, Antonio Filieri, 50enne di Aradeo, adesso dovrà difendere dall’accusa di tentato furto aggravato in abitazione.

Ma come si sarebbero, effettivamente, svolti i fatti? Nella serata di ieri i militari di una pattuglia della Stazione di Aradeo, nell’ambito del quotidiano servizio perlustrativo di controllo del territorio, transitando davanti ad un’abitazione del posto hanno notato un uomo scavalcare una recinzione e fuggire.

Gli uomini dell’Arma hanno immediatamente pensato ad un tentato furto in atto e, subito dopo, a conferma di ciò, da un’abitazione attigua sarebbe accorso verso di loro il figlio della proprietaria della dimora in cui il malvivente sarebbe stato sorpreso. L'uomo avrebbe raccontato che poco prima aveva sentito alcuni rumori sinistri provenire dalla casa della madre ed anche lui, dal giardino del suo luogo di residenza, che si affaccia su quello del genitore, avrebbe visto il ladro mettere a soqquadro l’abitazione, rovistare nei cassetti dei mobili per poi velocemente dileguarsi da una finestra situata proprio di fronte alla proprietà del figlio della vittima che, pertanto, avrebbe avuto modo di vedere bene in faccia il presunto ladro.

Proprio dalla descrizione, i Carabinieri avrebbero compreso trattarsi di Antonio Filieri, pluri pregiudicato per furti, rapine e traffico di stupefacenti e già noto ai militari ed avrebbero immediatamente dato il via alle ricerche trovandolo poco dopo, ancora affaticato per la fuga, vestito come da descrizione  e con addosso i frammenti dei vetri della finestra che aveva rotto per fuggire.

L’uomo è stato preso ai margini di una strada interpoderale, in una campagna situata a poche centinaia di metri dal luogo dell’accaduto. Condotto presso la caserma è stato riconosciuto dalle vittime che, nel frattempo, si trovavano presso la Stazione Carabinieri per compiere la denuncia.

Filieri è stato, così, tratto in stato di arresto con l’accusa di tentato furto aggravato in abitazione e, su disposizione del Pubblico Ministero di Turno, condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.



In questo articolo: