Come migliorare e innovare i servizi per le famiglie e il territorio, il programma di formazione della Cooperativa Horizon

Finanziato con i Fondi Interprofessionali nell’ambito del Piano Rilanciare Sicurezza e Competenza, ecco il progetto formativo erogato da Asesi

Implementare e innovare i servizi offerti alle famiglie e al territorio. Questa la mission per la quale la Società Cooperativa Horizon, con sede a Taurisano, nel Basso Salento, costituita nel 1998, e specializzata nel settore socio-educativo e sociale, ha visto finanziato un programma di formazione aziendale con i fondi interprofessionali nell’ambito del Piano Rilanciare Sicurezza e Competenza. La formazione viene erogata da Asesi, ente di formazione di emanazione della Cisl di Lecce, con sede a Taviano.

Acquisire nuove conoscenze e nuove competenze

Se, infatti, il cambiamento e l’innovazione sono da sempre idee di sviluppo connaturate al mondo dell’impresa (anche in quella che opera nel comparto sociale e socio-assistenziale), gli effetti della pandemia hanno prodotto per il sistema un’accelerazione tanto repentina quanto inevitabile. L’acquisizione di nuove conoscenze e competenze è considerata ora tra i principali driver di crescita e sviluppo delle aziende, in un contesto di cambiamento strutturale di ogni organizzazione, basato sulla riconversione e sull’ammodernamento dei prodotti e dei servizi delle imprese. Tutto ciò ancor di più come conseguenza dell’emergenza sanitaria, al fine della salvaguardia occupazionale e della tenuta economica delle realtà imprenditoriali.

«Non occorre assumere altro personale o ricorrere a figure professionali strategiche – dicono da Horizon -, dal momento che l’azienda dispone al suo interno di ottimi professionisti (educatori, animatori, maestre, coordinatori, ausiliari, cuochi, impiegati, ecc…) con competenze pluriennali e comprovate nel campo di intervento; è, invece, necessario, urgente e fondamentale innovare alcuni processi e puntare su una nuova organizzazione del lavoro per offrire un servizio adeguato ai bambini e alle famiglie colpite psicologicamente e socialmente dalla pandemia e nel contempo invertire la rotta critica delle scuole paritarie, che proprio in questo momento possono offrire servizi specifichi e risposte adeguate ai nuovi bisogni».

I destinatari della formazione

Horizon ha destinato alla formazione 36 dipendenti (35 donne e 1 uomo) dei 110 dell’azienda organicamente inquadrati come segue:

–  n. 18 educatrici;
–  n. 5 coordinatrici;
–  n. 3 ausiliarie;
–  n. 1 animatrice/musicoterapeuta;
–  n. 1 impiegato amministrativo;
–  n. 2 assistente infanzia;
–  n. 3 maestre;
–  n. 1 cuoca;
–  n. 2 impiegate.

13 dipendenti sono assunti a tempo determinato (1 full-time e 12 part-time) e corrispondono al 36% dell’organico; gli altri 23 sono assunti a tempo indeterminato (9 full-time e 14 part-time).
I lavoratori under 40 sono 25, corrispondenti al 69% dei partecipanti, 2 sono over 55 e 6 sono soci lavoratori. I soci/dipendenti lavorano nella sede e in 10 strutture gestite dalla cooperativa in provincia di Lecce.

Il piano di formazione

La finalità prioritaria del piano di formazione in Horizon è quella di reimpostare le modalità organizzative ed operative in una scuola paritaria, gravemente colpita dalla crisi in atto, per consentire un approccio educativo differente nei confronti dei bambini e per la sopravvivenza/rilancio della cooperativa medesima.

Il piano persegue l’obiettivo di fornire una risposta concreta ai fini della tutela dell’azienda, dei lavoratori e dei bambini in un periodo in cui sarà necessario convivere con il virus e i seguenti obiettivi specifici:

• far acquisire competenze tecniche e professionali, per mantenere l’occupazione;
• promuovere un ambiente lavorativo sano e sicuro per tutti;
• sostenere lo sviluppo economico attraverso la diversificazione, la creatività e l’innovazione;
• promuovere la parità di genere nella formazione.

La formazione è stata finanziata con Fon.Coop, uno dei Fondi Paritetici Interprofessionali istituiti con Legge 388/2000, organismi di natura associativa promossi dalle organizzazioni sindacali e finalizzati alla promozione di attività di formazione rivolte ai lavoratori occupati. Come è noto, i Fondi Interprofessionali sono autorizzati a raccogliere lo 0,30% versato all’Inps e a ridistribuirlo tra i loro iscritti.

L’azienda in formazione

Horizon Società Cooperativa Sociale Onlus a r.l. applica il Contratto Nazionale di Lavoro delle società cooperative e ha nell’oggetto sociale l’organizzazione, la promozione e la gestione dei servizi socio sanitari, educativi, assistenziali, cura e vigilanza per minori, portatori di handicap, anziani, ecc. Sin dalla costituzione la cooperativa opera nel privato sociale usufruendo di prestazione lavorativa dipendente e/o professionale di figure altamente specializzate (educatori-assistenti sociali, pedagogisti, psicologi, mediatori familiari e culturali).

Il perché del percorso formativo

L’emergenza sanitaria ha generato problemi legati al core business aziendale, avendo colpito la scuola (quella paritaria in particolare), i centri per anziani e le strutture ospitanti soggetti fragili e vulnerabili. Bambini, anziani e disabili hanno subito maggiormente le conseguenze della pandemia e della crisi e di riflesso il colpo è stato duramente avvertito anche da aziende ed enti del Terzo Settore, che si occupano dei soggetti in questione. È necessario, insomma, invertire la rotta anche attraverso la formazione ed uscire dalla crisi per salvaguardare l’azienda e 110 posti di lavoro. Il piano formativo intende agire sull’implementazione e l’innovatività dei servizi offerti alle famiglie e al territorio della provincia di Lecce, tutelando al tempo stesso la cooperativa ed i suoi lavoratori.

Le attività formative

Il Piano Rilanciare Sicurezza e Competenza, come detto, si rivolge a 36 soci lavoratori e dipendenti della cooperativa, prevede lo svolgimento di 136 ore d’aula suddivise in 3 progetti così strutturati:

Progetto 1: Salute e Sicurezza in pandemia, 36 ore destinate a 36 allievi in modalità mista remoto/presenza (alcuni in presenza, altri a distanza). Strutturato in 4 moduli, ha l’obiettivo di formare i dipendenti sulla sicurezza obbligatoria nell’ottica Covid-19, coinvolge tutto il personale che opera all’interno di asili nido, scuole dell’infanzia, ludoteche, centri diurni per anziani e sede legale ed operativa dell’azienda.

• Modulo 1: ‘Sicurezza rischio medio’ – 12 ore
• Modulo 2: ‘Primo Soccorso e Igiene in azienda’ – 12 ore
• Modulo 3: ‘Antincendio Rischio Medio’ – 8 ore
• Modulo 4: ‘Haccp’ – 4 ore .

Progetto 2: Coronavirus, Emozioni e Scuola, 50 ore destinate a 25 allievi in modalità mista remoto/presenza (alcuni in presenza, altri a distanza). Strutturato in 3 moduli, ha l’obiettivo di offrire nuove competenze per lavorare nella scuola su emozioni ed apprendimento dei bambini in età 3-6 anni in considerazione di difficoltà emerse nel post-lockdown ed eventuali segnali da trauma legati al Covid-19, coinvolge il personale didattico docente e non docente.

• Modulo 1: ‘Educare alla lettura nella prima infanzia’ – 20 ore
• Modulo 2: ‘Il gioco psicomotorio’ – 15 ore
• Modulo 3: ‘Rabbia e comportamenti oppositivi e provocatori: un corpo che parla’- 15 ore

Progetto 3: Nuove competenze per nuove opportunità, 50 ore destinate ad 8 allievi in modalità mista remoto/presenza (alcuni in presenza, altri a distanza). Strutturato in 4 moduli, ha l’obiettivo di far acquisire nuove competenze per rilanciare azienda e scuola paritaria in pandemia. Il progetto è rivolto specificamente al personale amministrativo e ai coordinatori delle strutture gestite dalla cooperativa.

• Modulo 1: ‘Personal e corporate branding’ – 12 ore
• Modulo 2: ‘Customer engagement plan’ – 12 ore
• Modulo 3: ‘Multichannel marketing’- 14 ore
• Modulo 4: ‘Design Thinking’ – 12 ore

Il percorso formativo risponde a 4 obiettivi prioritari d’intervento:

  • Formare soci e dipendenti sulla Sicurezza obbligatoria nell’ottica Covid;
  • Lavorare a scuola su emozioni ed apprendimento in bambini di età 3-6 anni post
    lockdown per superare ansia e paura;
  • Far acquisire nuove competenze per rilanciare la cooperativa e la scuola
    paritaria;
  • Promuovere la formazione nell’ottica della parità di genere e nello sviluppo delle
    competenze digitali attraverso attività miste in presenza e connessi da remoto.

Tutte le attività formative si svolgono in modalità mista remoto/presenza per docenti e allievi, in parte presenti in aula e in parte collegati in modalità virtuale anche in ottemperanza a quanto previsto da Dpcm e Leggi Regionali in vigore al momento della realizzazione.

Bilateralità

Il piano formativo è stato sviluppato anche attraverso il dialogo e il confronto con le associazioni sindacali territoriali al fine di costruire un percorso utile ed efficace per l’azienda, una importante cooperativa della provincia di Lecce che al momento ha in organico 110 lavoratori tra soci e dipendenti. I sindacati Cgil, Cisl e Uil territoriali hanno condiviso pienamente finalità ed obiettivi del Piano e, contestualmente, si sono impegnate a partecipare fattivamente alle attività di monitoraggio in itinere e valutazione ex-post.
La verifica della ricaduta del percorso sull’azienda ed i suoi lavoratori è, infatti, fondamentale e necessaria al fine di valutarne l’impatto ed il mantenimento dei posti di lavoro per tante famiglie coinvolte oltre alla positiva ricaduta sui clienti-famiglie degli asili nido, scuole dell’infanzia, ludoteche, centro per anziani e dormitorio gestiti dalla Cooperativa Sociale Horizon, che al momento ha in organico 110 lavoratori, soci e dipendenti, il cui posto di lavoro deve essere mantenuto e tutelato in un momento storico in cui si rischia di mettere in ginocchio l’economia del nostro Paese e la vita di tante famiglie, circa 500 persone nel caso qui affrontato.