Futuri ufficiali per la marina mercantile, a Tricase il seminario organizzato dal “Don Tonino Bello”

Palazzo Gallone ha ospitato l’evento di orientamento per l’inserimento nel mondo del lavoro, grazie ad una formazione tecnica per le figure richieste.

Inserimento nel mondo del lavoro e professionalizzazione sono i temi del seminario ospitato nella Sala del Trono di Palazzo Gallone, a Tricase.

Si è tenuto questa mattina un workshop di orientamento per i ragazzi dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Don Tonino Bello” che hanno avuto modo di conoscere il percorso formativo dell’Istituto tecnico superiore (Its) “Fondazione Mobilità Sostenibile Trasporti” di Catania. Ufficiali per la marina mercantile le figura da formare, molto richieste dal mercato attuale.

Insieme all’iscrizione all’università ed alla ricerca immediata di lavoro, esiste una terza via rappresentata dagli Its, Istituti tecnici superiori, che rispondono alla richiesta di figure tecniche sul mercato del lavoro. L’obiettivo del “Don Tonino Bello”, in collaborazione con l’Its “di Catania, è quello di “legare la figura del nautico a quella dell’Accademia, che costituisce un’enorme opportunità di lavoro”, ha affermato Anna Lena Manca, preside della scuola.

I percorsi di alta formazione mirano a formare figure professionali tecniche nel campo della logistica e della manutenzione del mezzo acqua, permettendo ai ragazzi di acquisire competenze altamente spendibili sul mercato. I corsi formativi prevedono ore in aula, tenute da docenti di alto livello provenienti sia dall’università che dall’ambiente lavorativo e ore di pratica che spesso costituiscono il trampolino di lancio verso il tempo indeterminato.

Le scelte a cui i ragazzi vanno incontro subito dopo il conseguimento del diploma sono certamente un salto nel vuoto non facile. Il seminario organizzato dall’istituto tricasino mira a fare chiarezza e offrire un ventaglio di opportunità che i neodiplomati hanno a disposizione a termine del loro percorso scolastico.

Al momento formativo erano presenti, altresì, le delegazioni degli istituti Comi, Vespucci, Stampacchia, Lanoce e  Meucci.