Strepitosa Frata Nardò, Caserta annichilita al Pala “Andrea Pasca”

Si tinge di granata Gara 2 dei playoff di Serie B: la Frata Nardò supera tra le mura amiche i bianconeri per 90-58. Domenica 5 maggio al PalaMaggiò si decide tutto

Sei giocatori granata in doppia cifra, il solo Hassan tra le file ospiti. Basterebbe questo dato per rendere l’idea della prestazione della Frata Nardò, che in Gara 2 dei quarti di finale playoff supera al Pala “Andrea Pasca” la quotata Decò Caserta col finale di 90-58, riscattando l’amaro 86-78 del PalaMaggiò che tanti rimpianti aveva lasciato in dote appena giovedì scorso.

Pronti via e la schiacciata di Razzi infiamma il tensostatico neretino. Il time-out di coach Oldoini a metà quarto, sul parziale di 15-6, è inevitabile. Bonfiglio detta i ritmi e trova la via del canestro con facilità, Drigo e Razzi non si fanno pregare da tre: lo strappo del Toro è micidiale. La Frata Nardò arriva sul 24-6, poi Hassan scuote i suoi e i primi 10′ si concludono sul 24-13.

Il secondo quarto è il migliore dei bianconeri, che rifilano un buon break ai padroni di casa. Il Pala “Andrea Pasca” si scalda per qualche fischio arbitrale di troppo a favore di Caserta, Bjelic trova la via del canestro ridando fiato al Toro: si torna negli spogliatoi sul37-27.

Nel terzo quarto la Frata Nardò si supera e annichilisce gli avversari rispettando a dovere i dettami tattici di coach Quarta. Razzi difende e attacca con intensità, i granata allungano sul 47-32. Zampolli sale in cattedra, Petrucci tiene a galla i suoi. Poi Drigo è implacabile dalla lunetta: 3/3 e Toro a +18. Dieci minuti di straordinario Nardò che chiude sul 70-46 assaporando la vittoria.

Vittoria che arriva senza troppi patemi dopo gli ultimi 10′. Caserta è già con la testa negli spogliatoi quando prima Drigo e poi Bjelicfirmano il +30. Bonfiglio è costretto ad abbandonare il parquet per infortunio tra gli applausi del pubblico amico, Zampolli e Ingrossotrascinano Nardò, tra le cui file c’è spazio nel finale anche per i baby Mijatovic e Fracasso.

Quando suona la sirena il finale è di 90-58. Tutti si attendevano una prestazione granata che potesse dar seguito a quella di Gara 1, in pochi avrebbero osato immaginare un successo così roboante a spese della capolista del girone D. La Frata Nardò del patron Durantee del presidente Marra riscrive la storia e si prepara ad un nuovo appuntamento: domenica 5 maggio (ore 18:00) Gara 3 al PalaMaggiò. Sognare si può.

Tabellino

Frata Nardò – Decò Caserta 90-58 (24-13, 13-14, 33-19, 20-12)

Frata Nardò: Drigo 19 (2/3, 2/4), Zampolli 17 (5/7, 1/6), Visentin 14 (4/4, 0/0), Bonfiglio 12 (3/4, 2/4), Razzi 10 (1/1, 2/3), Bjelic 10 (1/1, 2/5), Ingrosso 6 (3/6, 0/5), Banach 2 (1/1, 0/0), Mijatovic 0 (0/0, 0/1), Provenzano 0 (0/0, 0/0), Fracasso 0 (0/1, 0/0). Coach: Quarta

Decò Caserta: Hassan 16 (4/7, 2/6), Petrucci 9 (3/6, 1/5), Sergio 9 (3/4, 1/1), Pasqualin 7 (1/2, 1/7), Ranuzzi 6 (3/7, 0/1), Ciribeni 5 (2/7, 0/0), Rinaldi 2 (0/4, 0/4), Dip 2 (1/6, 0/0), Barnaba 2 (1/2, 0/0), Piazza 0 (0/0, 0/1), Valentini 0 (0/0, 0/0), D’Argenzio 0 (0/0, 0/0). Coach: Oldoini