Luci e ombre per la Casarano Team nel 29° Rally Adriatico, per la scuderia salentina poche soddisfazioni

Soltanto due dei tre equipaggi al via sono riusciti a salire sulla pedana d’arrivo, ottenendo un quinto e un ottavo posto.

Una trasferta tra luci e ombre quella appena archiviata dagli equipaggi portacolori della Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team, reduci dal 29°Rally Adriatico, secondo appuntamento, del Campionato Italiano Rally Terra e del Campionato Italiano Assoluto Rally Junior.

Soltanto due dei tre equipaggi al via sono riusciti a salire sulla pedana d’arrivo. Nella serie tricolore dedicata ai giovani Under 27 inseriti nel progetto ACI Team Italia, che si corre utilizzando le Renault Clio RSR di classe Rally5 fornite da Motorsport Italia, il casaranese Guglielmo De Nuzzo in coppia con il cuneese Fabio Grimaldi, ha concluso la gara al quinto posto. Un risultato soddisfacente dato che era al suo quarto rally su terra e che il confronto lo vedeva opposto a piloti che vantano maggiore esperienza sia sul fondo a scarsa aderenza che con la vettura. Buoni i tempi in avvio, poi la particolarità dello sterrato  con la ghiaia che non gli ha trasmesso la giusta dose di fiducia e un velo di sfortuna con un problema ai freni, lo hanno spinto ad avere un atteggiamento intelligentemente conservativo per non incappare in facili errori. In classifica assoluta ha chiuso al 34esimo posto e al quinto di classe. Per effetto di questo risultato l’alfiere salentino guadagna una posizione salendo al quinto posto nella graduatoria di Campionato.

Positivo anche se per certi versi sofferto l’esordio sulla terra dell’altro portacolori Casarano Rally Team schierato nel Tricolore Junior, ossia la giovanissima casaranese Sara Carra che ha corso in coppia con il messinese Giovanni Barbaro e che ha ultimato la gara all’ottavo posto. Un approccio con lo sterrato come logico che fosse molto prudente il suo, considerato anche il fatto che era alla sua seconda gara con la 1.300 turbo e che ha avuto il suo bel da fare anche nel tentare di indovinare la giusta tipologia di pneumatici per affrontare le velocissime speciali marchigiane. Malgrado le difficoltà, la detentrice del titolo Femminile in Settima Zona è riuscita in qualche occasione a migliorare i propri tempi parziali, ma ciò che conta è anche l’aver accumulato esperienza su un fondo a lei sconosciuto fino alla vigilia e per di più in una gara dal percorso tecnico e insidioso. In termini assoluti ha tagliato il traguardo in 52esima posizione, cogliendo anche il decimo piazzamento di classe e il  sesto tra gli Under 25. Un risultato che gli permette di muovere anche la sua classifica nello Junior, visto che guadagna altri 3 punti ed è ora nona.

Amaro ritiro invece per il folignate Christian Gabbarini navigato dal ferrarese Alessandro Forni in gara nell’Italiano Terra. Mentre era in piena bagarre per il primato tra le N4, ha commesso un piccolo errore sulla ps5 arrivando troppo forte su una sinistra due e impattando con un terrapieno. I danni riportati dalla sua Subaru Impreza Wrx Sti non gli hanno consentito di proseguire la gara.

(Photo Zini)



In questo articolo: