La Casarano Rally Team inaugura la nuova stagione sugli sterrati della Valtibertina

Il primo impegno del nuovo anno coincide con la terza e penultima uscita ufficiale del Raceday Rally Terra, con il Rally Terra Valle del Tevere.

Spenti i fari di una più che soddisfacente e intensissima stagione sportiva 2021, la Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team è pronta a riprendere l’attività agonistica.

Il primo impegno del nuovo anno coincide con la terza e penultima  uscita ufficiale del Raceday Rally Terra, il Challenge dedicato agli specialisti dei fondi sterrati che si corre a cavallo delle due annate sportive e  che questo fine settimana fa tappa in provincia di Arezzo dove è in programma la seconda edizione del Rally Terra Valle del Tevere.

A difendere i colori della compagine salentina la coppia formata da Emanuele Silvestri e da Andrea Guerretti, detentori del titolo di raggruppamento C nella serie sterrata promossa da Pirelli, che saranno in gara sulla Citroen Ds3 iscritta nella Classe N5 Nazionale e messa loro a disposizione dall’officina Power Brothers dei fratelli Colonna. Una vettura che l’equipaggio romano-fiorentino ha già utilizzato con soddisfazione nelle prime due gare del Challenge cogliendo nel precedente appuntamento, il Prealpi Master Show, il successo nella classifica riservata alle vetture di gruppo N, nella classe N5 Nazionale e nel Raggruppamento C. Un risultato che ha consentito al duo Casarano Rally Team di rilanciarsi in classifica occupando al momento il quarto posto nel Raggruppamento C.

Silvestri e Guerretti confidano nel crescente feeling con la vettura e nelle buone sensazioni emerse nell’edizione della gara  dello scorso anno, che li ha visti vincitori della classifica di gruppo N e della classe N4, per ottenere un buon risultato che gli consentirebbe di rimanere in lotta per la riconferma del titolo per poi giocarsi il tutto per tutto nell’ultima gara, il Rally di Foligno di inizio aprile. Obiettivo comunque non facile visto che il confronto sportivo lungo i bellissimi sterrati aretini, tratti storici del Mondiale Rally anni ’80, li vedrà opposti a un nutrito gruppo di quotati e motivatissimi avversari.

(Ph. Zini)



In questo articolo: