Regione, Totò Ruggeri rassegna le dimissioni da Assessore al Welfare

Nel pomeriggio ha inviato la lettera al Presidente Michele Emiliano. La decisione al fine di accelerare i tempi per la creazione della nuova Giunta

toto-ruggeri-udc

I ritardi burocratici per la proclamazione degli eletti della tornata elettorale del 20 e 21 settembre stanno allungando anche i tempi per la formazione del nuovo Governo regionale. Per questo, dopo una lunga e attenta riflessione sulle difficoltà che il nostro Paese e la nostra Regione stanno attraversando a causa dell’epidemia di coronavirus, al solo fine di accelerare i processi di cambiamento che i pugliesi ci chiedono per fronteggiare questa nuova e grave emergenza, ti comunico la mia volontà di dimettermi da assessore regionale”, prende il via così la lettera indirizzata al Governatore di Puglia, Michele Emiliano, con la quale Totò Ruggeri, Assessore Regionale al Welfare, rassegna le proprie dimissioni dalla carica.

Riunire le deleghe di Sanità e Welfare

“Sono convinto – prosegue Ruggeri – che riunire le deleghe del Welfare e della Sanità nelle mani di un professionista esperto quale il professor Lopalco, sia al momento la decisione migliore e più giusta per la nostra Regione e per tutti i pugliesi che attendono dal nuovo esecutivo scelte forti e coraggiose in tempi brevi”.

I ringraziamenti

Nella missiva, l’ex Senatore, coglie, poi, l’occasione per ringraziare il Presidente per opportunità per l’occasione datagli dal numero uno di “Via Capruzzi”: “Colgo l’occasione per ringraziarti della opportunità che mi hai offerto in questi anni di lavorare al Tuo fianco e di crescere sul piano amministrativo, politico ma soprattutto umano. Sono certo che insieme a te e ai colleghi della Giunta abbiamo fatto un buon lavoro perché abbiamo seminato insieme la speranza che una Puglia migliore è ancora e sempre possibile.

Questo ce lo hanno confermato i fatti, i risultati elettorali, ma anche l’affetto dei tanti pugliesi che incontriamo ogni giorno e che ancora credono in noi. Unitamente ringrazio gli amici e colleghi della Giunta ma soprattutto i miei collaboratori, i dirigenti e tutto il personale del Welfare per avere supportato il mio lavoro. Sono certo – conclude – che il mio impegno per questa Regione che amiamo tanto, continuerà su altri fronti e in altri luoghi”.



In questo articolo: