Giorgia Meloni consolida la sua leadership. Le Europee rafforzano la posizione del Governo

Dopo più di 20 mesi di Governo il Centrodestra trova conferme anche nelle urne delle Elezioni europee. Fratelli d’Italia primo partito

La notizia politica è che dopo quasi due anni di Governo Giorgia Meloni continua a consolidare la sua leadership, e questo rappresenta un dato in controtendenza rispetto a ciò che è avvenuto negli ultimi anni in Italia.

Chi si aspettava una bocciatura o un contenimento delle forze di centrodestra che governano l’Italia è rimasto deluso e tutti, volenti o nolenti, dovremo prendere atto di un consenso che legittima l’azione del Governo Meloni.

Alla notizia che vien fuori dalle proiezioni di questa notte si aggiunge un elemento di riflessione politica ancora più importante: l’Italia è forse l’unico Paese che non deve far fronte a una bocciatura elettorale delle forze di governo, anzi.

Mai come nelle Elezioni europee si delineano gli indici di gradimento dei partiti, quelli che i cittadini invocano e ai quali conferiscono il diritto e il dovere di rappresentarli sul palcoscenico internazionale.

Fratelli d’Italia dimostra di essere il partito più in salute e quello più in crescita, ma nella coalizione di centrodestra anche Forza Italia dimostra di aver cambiato marcia, staccando la Lega, dopo un inseguimento ardito e ponendosi come interlocutore autorevole sotto la guida di Tajani.

Sembra aver perso la spinta di qualche anno fa invece il Movimento 5 stelle che se non crolla certamente non si allarga e non fa la differenza in una visione più ampia delle forze di opposizione al Governo. Malissimo invece il duo Renzi/Calenda, entrambi attesi nelle prossime ore da un’inquieta analisi del voto.

Insomma, è stato come trovarsi dinanzi ad Elezioni Politiche, che confermano o mettono in crisi l’operato dei governi, vedi il caso clamoroso della Francia, dove tutto viene rimescolato all’improvviso.

L’Europa serve anche a questo.



In questo articolo: