Regione Puglia, mercoledì 22 la prima del nuovo Consiglio

Mercoledì 22 il nuovo Consiglio regionale si riunirà intorno alle ore 10.30 e da lì inizierà il suo percorso verso i prossimi dieci anni che avranno il delicato e complicato compito di risolvere i gravissimi problemi del nostro territorio.

Il 31 maggio l’elezione del nuovo Presidente della Regione, a poco meno di due mesi ci sarà l’insediamento definitivo della nuova giunta. Sta per prendere forma, nonostante le polemiche e le proteste dei giorni scorsi, il nuovo consiglio regionale pugliese che farà cerchiò attorno all’ex sindaco di Bari, Michele Emiliano, eletto a maggioranza assoluta dagli elettori della nostra Regione.

La data da ricordare e che segnerà la svolta definitiva, dopo i dieci anni di governo targato Nichi Vendola, è quella di mercoledì 22 luglio, esattamente tra una settimana quindi. Il nuovo Consiglio regionale della Puglia si riunirà intorno alle ore 10.30 e da lì inizierà il suo percorso verso i prossimi dieci anni che avranno il delicato e complicato compito di risolvere i gravissimi problemi del nostro territorio.

L’ordine del giorno è già stato deciso in discussione dall’aula consiliare e prevede sei punti. Eccoli nel dettaglio: insediamento del consiglio regionale e costituzione dell’ufficio provvisorio di presidenza; convalida degli eletti; elezione del presidente e dell’ufficio di presidenza del consiglio regionale; giuramento del presidente della giunta e sue comunicazione sulla composizione della giunta e comunicazione del Presidente della Giunta sul programma di governo.

Da lì in poi partirà una nuova avventura per la Regione Puglia. Un’avventura targata ancora centrosinistra anche se decisamente spostata sempre più verso il centro, vista la provenienza politica molto più democratica di Emiliano rispetto a quella dell’ex governatore Vendola. Una presidenza che ha già compreso quanto sarà difficile mettere d’accordo tutti con un M5S che non accetta compromessi di alcun tipo e vuole solo fare opposizione ed un centrodestra che cercherà di ricompattarsi dalle macerie dell’ultima tornata elettorale.



In questo articolo: