Baschirotto, “Lavoro il segreto della salvezza. Questa città mi ha adottato e mi vuole bene”

Parla il centrale che in questa stagione si è espresso sugli stessi standard del campionato Passato. Domenica ultima gara dei giallorossi con il Napoli

“Il momento più delicato, forse è stato a metà stagione, quando non riuscivamo a trovare le vittorie che ci servivano. La salvezza la dedico alla mia ragazza Marica che mi ha sempre sostenuto”, con queste parole Federico Baschirottocommenta la stagione appena trascorsa che si concluderà domenica nella sfida in casa del Napoli, un torneo che ha dato ai giallorossi la seconda salvezza consecutiva in Serie A.

Maturazione

“Quello appena terminato è un buon bilancio, abbiamo fatto due salvezze incredibili, per quel che mi riguarda, devo tanto a Samuel Umtiti, ma anche a tutti i miei compagni, in questo secondo anno mi sento maturato sotto tutti gli aspetti e sono contento”.

Il futuro

Non guardo al futuro, ma solo al presente e faccio di tutto per questa maglia che mi ha dato tanto”.

Il Napoli

“Ci stiamo preparando per Napoli, abbiamo lavorato bene in settimana e andiamo lì per portare a casa la vittoria, come è sempre accaduto”.

Mercato

Non penso al mercato, adesso guardo la prossima gara e poi vado in vacanza. Mi piacerebbe restare, devo tanto a questa città che mi ha accolto e mi vuole bene”.

La fascia di capitano

“Indossare la fascia di capitano in A è importante, vuol dire che ho trasmesso qualcosa a questa città e alla società e sono onorato di averla indossata. In questa stagione siamo cresciuti tutti e significa che c’è stata maturità”.

Momenti difficili

“Ci sono stati diversi momenti difficili quest’anno in cui ci siamo ritrovati per cercare di capire cosa non andasse, ma siamo stati tutti concordi che bisognava lavorare e grazie a questo e alla società ci siamo ripresi riusciti a venire fuori dal periodo negativo. È stato il lavoro il segreto!!!”.



In questo articolo: