Giallorossi contro l’Atalanta nell’ultima al “Via del Mare”, le parole di Gotti. I Convocati

Penultima gara di campionato e ultima tra le mura amiche per la compagine salentina. Rientra Piccoli, Sansone ancora fuori per problemi fisici.

Rientra il solo Piccoli, che ha scontato la squalifica, Sansone invece non si è ripreso dai problemi fisici.

Poco più di 24 ore e i giallorossi scenderanno sul terreno di gioco dello stadio “Via del Mare” nella sfida che li vedrà opposti all’Atalanta, in quello che sarà l’ultimo atto del Campionato davanti al pubblico amico.

“Non ci deve essere bisogno di stimoli per affrontare una gara di Serie A, giochiamo ad alti livelli e questo è già di per sé uno stimolo. È una questione di mentalità, che è stata determinante nel percorso degli ultimi anni dell’Atalanta”, ha affermato mister Luca Gotti alla vigilia della sfida.

Gasperini ha il merito di aver portato ricchezza nel Campionato, ma sin dai tempi del Genoa  Impone all’avversario di giocare uomo contro uomo e nessuno può permettersi di affrontare l’Atalanta come sempre. Su quel solco ci sono anche Juric, Tudor e Palladino. Ma questo modo di giocare è ricchezza per noi allenatori e per i giocatori.

Posso dire con ragionevole certezza che Gallo e Gendrey, in questa annata si sono evoluti e penso che ci siano ancora grossi margini di miglioramento e loro vogliono continuare a migliorarsi.

Torneremo al 4-4-2, ma ritornando al discorso di prima, visto l’avversario dovranno cambiare alcune cose, compreso l’atteggiamento.

Berisha e Pierotti hanno possibilità di partire dall’inizio. Mi ci è voluto qualche giorno per sbollire la delusione della sconfitta con l’Udinese, ma questa settimana non ho visto una squadra con le valigie, pronta ad andare in vacanza.

Dorgu è molto giovane e dà una disponibilità totale, ha grande capacità di adattamento e doti fisiche e tecniche. Cominciano a chiamarmi persone importanti del calcio per informarsi.

La mia idea del Lecce visto da fuori è stato il morivo che mi ha portato qui, prima ho rifiutato molte proposte, c’è una visione di medio e lungo termine e la gestione da parte della società è il motivo che mi ha fatto scegliere questa società. Poi, a campionato finito, ci si siederà per il futuro, ma non per quel che riguarda la mia posizione.

L’Atalanta ha giocato 52/53 partite in questa stagione ed è difficile dire chi sono i titolari, magari a Lecce giocherà qualcuno che lo ha fatto meno, ma poco conta”.

I convocati

Intanto il tecnico ha convocato 24 calciatori per la sfida contro gli orobici, questo l’elenco:

Portieri

Borbei, Brancolini, Falcone, Samoja

Difensori

Baschirotto, Dorgu, Esposito, Gallo, Gendrey, Pongracic, Touba, Venuti

Centrocampisti

Berisha, Blin, Gonzalez, Oudin, Rafia, Ramadani, Samek

Attaccanti

Almqvist, Burnete, Krstovic, Piccoli, Pierotti



In questo articolo: