Lecce-Empoli 2-2, i giallorossi si svegliano nel finale e chiudono l’andata con un pari contro la capolista

Dopo essere stati dominati per tutto l’arco della gara i salentini portano a casa un pareggio preziosissimo. Ci pensano il capitano e il baby Rodriguez. Sabato c’è il pordenone.

Dopo l’importante e per certi versi sofferta vittoria contro la Reggina, che ha riportato al successo i giallorossi, questo pomeriggio, capitan Mancosu e compagni sono stati impegnati nella sfida che, allo stadio “Via del Mare” li ha visti opposti all’Empoli.

In occasione della gara contro la capolista, reduce dalla cinquina rifilata alla Salernitana, non sono stati pochi i problemi di formazione per mister Eugenio Corini.

Ai salentini, infatti, è mancato l’apporto di Massimo Coda, appiedato dal Giudice Sportivo causa espulsione rimediata in Calabria e, l’indisponibilità di Pettinari e il rifiuto di giocare di Falco, hanno fatto sì che il tecnico bresciano rivedesse lo schema iniziale, giocando con una sola punta e il doppio trequartista. Il carico dell’attacco, quindi, è stato tutto sulle spalle di Stepinski, mentre, a supporto della punta sono stati schierato Mancous ed Henderson. Per il resto, due le novità importanti con lo schieramento degli ultimi due nuovi acquisti, Pisacane e Nikolov giunti in settimana e subito in campo dal primo minuto

La formazione iniziale

Cambio di modulo per il Lecce, quindi, che è sceso in campo con un 4-3-2-1 con: Gabriel tra i pali; difesa composta da Adjapong, Lucioni, Pisacane e Zuta; Majer, Tachtsidis e Nikolv in mediana; Mancosu e Listkowski a supporto dell’unica punta Stepinski.

Il primo tempo

La prima zione degna di nota della gara è dell’Empoli al settimo con la percussione di Bajrami che giunto al limite crossa, ma Gabriel intercetta. Al 17mo Bajrami ci prova con un rasoterra, ma il tiro va a lato. Al 21mo serpentina e tiro di Bajrami, ma la sfera termina alta. Al 23mo sulla botta da fuori di Stulac, Gabriel si distende e para. Al 38mo buona azione dell’Empoli, L’ex La Mantia si libera, e calcia al volo, ma l’estremo dei leccesi para. Sul ribaltamento di fronte, Mancosu da posizione defilata manda alto.

Empoli in vantaggio

Al 33mo arriva il vantaggio dei toscani. Corner di Stulac, la palla si infila tra le gambe dei difensori giallorossi e Haas, al volo di piatto, trafigge l’incolpevole Gabriel.

Al 43mo il tiro dall’interno dell’area di Henderson va fuori. Al 45mo il colpo di testa di Nikolv viene parato da Brignoli.

Il secondo tempo

La ripresa si apre con gli stessi ventidue che hanno terminato la prima

Pronti via raddoppio dell’Empoli

Trascorre meno di un minuto e la squadra di Dionisi. Bajrami prende palla, accelera, entra in area e crossa all’indirizzo dell’accorrente La Mantia, All’ex giallorosso basta solamente, in scivolata, appoggiare il pallone a porta vuota.

All’ottavo triplo cambio per il Lecce, Fuori Nikolov, Majer ed Henderson e dentro, rispettivamente Björkengren, Rodriguez e Listkowski con il modulo che passa al 4-3-1-2. Al 20mo Empoli vicinissimo al 3-0. La Mantia ruba palla, passaggio filtrante per Bajrami che solo davanti a Gabriel si fa ipnotizzare dal 21 giallorosso, sulla ribattuta lo stesso 11 empolese tira a porta vuota, ma anche in questo caso l’estremo brasiliano salva il risultato. Al 29mo Stepinski a due passi dalla porta manda sopra il montante. Al 33mo il tiro di Mancosu viene parato senza problemi da Brignoli.

Mancous accorcia

Al 34mo arriva il gol dei giallorossi, Rodriguez ruba palla e passa a Listkowski che entra in area, arriva sul fondo e passa all’indietro per il capitano il cui tiro trafigge il portiere empolese.

Pareggio dei giallorossi

All’ultimo minuto di gioco arriva il pareggio. Mancosu prende palla e passa a Rodriguez che solo davanti a Brignoli, mantiene la freddezza e lo trafigge.

Nell’ultima gara del girone di andata i giallorossi dopo aver subito per tutto l’arco della gara, si svegliano nel finale e riescono a portare a casa un punto che sembrava impossibile da conquistare. I cambi di Corini hanno avuto l’effetto sperato, soprattutto con il ritorno al vecchio modulo di gioco, a ogni modo, fino a quando non sono usciti dal torpore i giallorossi non sono mai arrivati primi su un pallone, costantemente anticipati dagli avversari, comunque, questo punto, frutto del carattere, certamente potrebbe fare molto morale e sabato, contro il Pordenone, riprende la rincorsa.

Tabellini

U.S. Lecce: 21 Gabriel, 4 Pisacane, 5 Lucioni, 8 Mancosu (C), 11 Adjapong, 14 Stepinski, 16 Nikolov (8 st Björkengren), 24 Zuta (32 st Gallo), 37 Majer (8 st Rodriguez), 53 Henderson (8 st Listkowski), 77 Tachtsidis (22 Hjulman). A disposizione: 1 Bleve, 22 Vigorito, 6 Meccariello, 7 Paganini, 15 Monterisi, 19 Listkowski, 23 Björkengren, 25 Gallo, 26 Dubickas, 34 Maselli, 42 Hjulmand, 99 Rodriguez. Allenatore: E. Corini

Empoli F.C.: 1 Brignoli, 5 Stulac, 7 Mancuso 844 st Crociata) 16 Bajrami (26 st Moreo), 16 Casale, 19 La Mantia (44 st Matos), 20 Fiamozzi (C), 28 Ricci, 32 Haas (26 st Zukowski), 43 Nikolaou, 65 Parisi (13 st Terzic). A disposizione: 22 Furlan, 3 Terzic, 4 Crociata, 8 Matos, 9 Olivieri, 10 Moreo, 21 Sabelli, 27 Zukowski, 30 Damiani, 31 Pirrello, 42 Viti, 47 Cambiasso. Allenatore: A. Dionisi

Arbitro: Pasqua di Tivoli Assistenti: Grossi-Schirru IV Ufficiale: Marinelli

Marcatori: 33 pt Haas (E) 1 st La Mantia (E) 34 st Mancosu (L) 45 st Rodriguez

Ammoniti: 6 pt Nokolov (L) 41 pt Parisi (E) 1 st Tachtsidis (L) 21 st Haas (E) 45+2 st Mancous (L)

Note: angoli 10-2 per l’Empoli

Recupero: 4 st



In questo articolo: