Nardò-Audace Cerignola 2-2, un Toro determinato ferma la capolista

I granata per due volte in svantaggio riescono a recuperare, accade tutto nel secondo tempo. Neretini sempre penultimi ma con tre gare da recuperare.

Il Nardò dà continuità al successo di mercoledì scorso con l’Altamura e riesce a fermare la capolista Cerignola guadagnando un punto preziosissimo per la lotta salvezza. Dopo la prima frazione a reti inviolate, succede tutto nel secondo tempo con gli ofantini due volte in vantaggio e due volte recuperati da un Toro tonico e determinato.

Formazione iniziale

Indisponibili Romeo e Cristaldi per infortunio, mister De Candia schiera Rollo tra i pali, Valzano, De Giorgi, Trinchera e Masetti in difesa, Cancelli, Mengoli e Caracciolo in mediana, in attacco Mancarella a sostegno di Caputo e Puntoriere.

Primo tempo

Cerignola subito proteso in avanti e al 3’ Strambelli non inquadra lo specchio della porta col mancino dal limite. Al 6’ tocca a Malcore ma il destro del capocannoniere del girone H si perde sul fondo. Replica del Nardò al 12’: calcio di punizione di Caputo, colpo di testa di De Giorgi neutralizzato da Trezza. Al 21’ ospiti vicini al vantaggio per tre volte nella stessa azione: Strambelli calcia, Rollo non trattiene, Sirri non ne approfitta e Giacomarro fallisce il bersaglio con la porta granata incustodita. Al 32’ punizione tesa di Sirri dai 25 metri, sulla respinta di Rollo si avventa Giacomarro ma l’estremo difensore granata mura in angolo. Manovra ragionata del Cerignola con un gran possesso palla alla ricerca del varco giusto ma il Nardò è ben messo in campo a presidiare gli spazi. Il primo tempo si chiude con il risultato invariato di 0-0.

Secondo tempo

La ripresa si apre con il vantaggio degli ofantini: al 49’, sugli sviluppi di un calcio di punizione la difesa neretina non è impeccabile, Sirri prolunga per Tascone che fa centro di testa sul secondo palo. La gioia della capolista dura solo sette minuti: sulla parabola disegnata dalla bandierina di Caputo, Mengoli trova il guizzo vincente in area per il pareggio del Nardò. Al quarto d’ora la contesa si complica per la squadra gialloblu: Sirri si becca il secondo giallo e lascia i suoi in inferiorità numerica. Nonostante l’uomo in meno, il Cerignola rimette la freccia al 69’: altra indecisione difensiva di De Giorgi, ne approfitta Malcore che beffa Rollo in uscita. Prova subito a scuotersi la squadra di De Candia alla ricerca del pareggio: al 72’ diagonale di Puntoriere che termina a lato e conclusione di Caputo neutralizzata da Trezza al 78’. L’episodio clou a dieci minuti dal termine: Cancelli spara a rete, Manzo devia il pallone con il braccio e il direttore di gara non ha dubbi nell’assegnare la massima punizione. Dal dischetto Caputo trasforma e fissa il punteggio sul definitivo 2-2. Non succede più nulla di rilevante fino al triplice fischio e le due squadre si dividono la posta in palio.
I granata, penultimi ma con tre gare ancora da recuperare, salgono a 26 punti in classifica. Nel prossimo impegno in programma domenica 20 marzo al “Giovanni Paolo II” il Nardò ospita il Nola per il recupero della 21a giornata.

SERIE D – Girone H: risultati 28ª giornata

Bisceglie – Virtus Matino rinv.  Casarano – Mariglianese 2-1  Casertana – Nocerina 1-1  Fasano – Brindisi 1-0   Gravina – Lavello 2-0  Molfetta – Rotonda 1-0  Nardò – Audace Cerignola 2-2  Nola – Francavilla 3-1  San Giorgio – Sorrento 1-0  Team Altamura – Bitonto 1-1

Classifica

Audace Cerignola 60, Francavilla 54, Bitonto 54, Fasano 48; Nocerina 45, Gravina* 45, Sorrento 40, Casertana 40, Molfetta 39, Casarano* 35, Lavello* 34, Nola* 33, Team Altamura 31, Mariglianese 30, San Giorgio 27, Brindisi 30, Rotonda 29, Bisceglie* 28, Nardò*** 26, Matino** 16.
* = gare da recuperare
(Photo credits: @Savino Ferraro)



In questo articolo: