La nuova Fiorentina di Commisso inizia il torneo con dubbi e certezze

Oggi si parla del nuovo corso della compagine toscana, che dopo gli anni della Famiglia della Valle, adesso è stata ceduta a una nuova proprietà.

Siamo giunti ormai alla sedicesima puntata di questa rubrica che vede approfondire nel dettaglio la composizione delle squadre che affronteranno il Lecce nella massima serie.

L’appuntamento di oggi ci vede trattare una compagine che negli anni ’90 era definita una delle sette sorelle del calcio italiano, la Fiorentina.

Le avversarie del Lecce, la Fiorentina

L’anno scorso, i gigliati, sono stati a un passo dalla retrocessione, tant’è che la salvezza è giunta solo dopo la sconfitta degli acerrimi nemici dell’Empoli nella sfida contro l’Inter all’ultima di campionato,.

Della Valle, arrivati al culmine di un ciclo, a fine anno, hanno deciso di cedere la società a chi avrebbe avuto maggiore disponibilità sia dal punto di visto economico che sotto il profilo della passione.

La nuova stagione

Da quando si è insidiato, il nuovo patron, Rocco Commisso, ha subito messo le cose in chiaro. I viola avrebbero dovuto riacquistare il prestigio degli anni d’oro, quindi, sono tornati tutti i dirigenti che hanno fatto la storia della “viola”, a partire dal Direttore Sportivo Daniele Pradè, che come primissimo acquisto ha riportato  l’ex bandiera Badelj. seguito da BoatengLirola  (Sassuolo). Senza contare il fatto che, la nuova società, ha imposto al suo leader, Federico Chiesa la permanenza in Toscana, resistendo alle sirene juventine.