Il miracolo SPAL, la società del presidente Mattioli che parte dalla gestione attenta dei conti

Capace come il Lecce di compiere il doppo salto l’anno scorso la compagine di Ferrara ha raggiunto il 13mo posto guadagnando una salvezza tranquilla.

La squadra di cui parliamo oggi  è stata una di quelle in grado di fare il doppio salto di categoria in due anni consecutivi, dalla Lega Pro alla Serie A, proprio come è accaduto al Lecce.

Parliamo, naturalmente, della Spal, la compagine di Ferrara che dopo 49 anni è tornata nella massima serie centrando la salvezza per due stagioni consecutive.

La squadra guidata da Leonardo Semplici, ha disputato un discreto campionato il primo anno, raggiungendo la salvezza nell’ultima giornata . Durante lo scorso torneo, invece, è andata oltre le aspettative piazzandosi al 13mo posto.

Le avversarie del Lecce, la SPAL.

Cosa aspettarsi da questa squadra di conseguenza? Sicuramente lotterà anche questa volta per la salvezza, ma dopo quanto visto di buono in questi due anni, ci si aspetterebbe un campionato più tranquillo rispetto alle neopromosse. Il presidente si è espresso in maniera molto chiara. Nonostante sia rimasto soddisfatto del piazzamento nel campionato passato, avrebbe voluto più attenzione soprattutto nelle ultime partite per raggiungere il decimo posto. Quindi, l’obbiettivo è senza ombra di dubbio quello di migliorarsi e cercare di restare in Serie A il più a lungo possibile.

La nuova stagione

Per realizzare il sogno del presidente, si sta attuando una campagna acquisti di tutto rispetto. Ceduto solo un prezzo pregiato, Lazzari (Lazio), mister Semplici può comunque contare su un portiere di grande esperienza come Berisha acquistato dall’Atalanta. Per sostituire il partente Lazzari, si è puntato sul giovane Murgia (Lazio) e su D’Alessandro (Atalanta). Mentre, per rafforzare l’attacco, è arrivato Di Francesco(Sassuolo)