Cercasi l’Udinese dei tempi passati, oggi più croce che delizia per la Famiglia Pozzo

Dopo i campionati che l’hanno vista protagonista e tantissimi fuoriclasse lanciati nel calcio mondiale, i bianconeri friulani sono alla ricerca dei successi degli anni scorsi.

Dodicesima puntata della rubrica che vede un approfondimento sulle nuove avversarie del Lecce in Serie A.

Oggi, andiamo a raccontare tutte le curiosità, i punti deboli e di forza dell’Udinese, squadra che nonostante abbia vissuto esperienze sia in Champions che in Europa League, negli ultimi anni ha stentato nel raggiungere la salvezza.

Le avversarie del Lecce.

Da un po’ di tempo la società dei Pozzo, è ben lontana da quella protagonista  nelle prime posizioni della classifica a cavallo tra fine anni ’90 e inizi 2000. Sarà che non riesce più nell’impresa di scovare talenti come Handanovič, Pereyra o Sánchez.  Sarà il fatto che le dirette concorrenti riescono ad allestire rose più efficienti, o piuttosto che dirigenza e allenatore non siano concordi sul da farsi, fatto sta che l’Udinese che faceva sognare i propri tifosi con nomi sconosciuti e riuscendo a piazzarsi nelle prime posizioni, al momento, non esiste più. Gli ultimi anni per i bianconeri friulani sono stati all’insegna di una dura lotta per mantenere la categoria.

La nuova stagione

Per provare a risollevare le sorti di queste annate al di sotto delle aspettative, il patron ha deciso di chiamare come responsabile dell’area tecnica Pierpaolo Marino. Il suo primo acquisto giunge direttamente dal Real Madrid e si tratta di una giovane promessa del calcio spagnolo, Cristo González. inoltre, con la grande esperienza che lo contraddistingue ha ingaggiato calciatori come JajaloNestorovski provenienti, a costo zero, dal Palermo ormai fallito.



In questo articolo: